Differenze tra le versioni di "Ruggero III di Puglia"

nessun oggetto della modifica
{{Altavilla (1130-1198)}}
{{Bio
|Nome = Ruggero III di Puglia
|Cognome = Ruggero III di Puglia
|PostCognome =
|PostCognomeVirgola =
|AnnoMorte = 1148
|Categorie = no
|FineIncipit = èera statoil unfiglio cavaliereprimogenito normanno.del Fu[[re di Sicilia]], [[Ruggero II di Sicilia|Ruggero II]] e di [[Elvira Alfonso di Castiglia|Elvira di Castiglia]]; fu [[Elenco dei conti e duchi di Puglia e Calabria|Duca di Puglia]] dal [[1134]]
}}
 
==Biografia==
Ruggero era il figlio maggiore di [[Ruggero II di Sicilia]] e di [[Elvira Alfonso di Castiglia|Elvira di Castiglia]]; {{chiarire|Ruggero fece la sua prima apparizione nelle cronache a [[Melfi]] nel [[1129]], quando con il padre ed il fratello [[Tancredi d'Altavilla (1120-1138)|Tancredi]] sedò la rivolta dei baroni, assicurandosi poi la loro fedeltà}}.
 
Dopo la sua investitura a Duca di Puglia nel [[1134]], dal momento che era posto sotto la tutela di [[Robert di Selby]], prese parte alle campagne del padre, distinguendosi nel [[1137]] contro [[Rainulfo di Alife]], che il papa [[Innocenzo II]] e l'imperatore [[Lotario II del Sacro Romano Impero|Lotario II]] avevano investito come Duca di Puglia. Il suo primo incarico di peso fu la [[battaglia di Rignano]] del [[30 ottobre]]; nella battaglia molti guerrieri esperti, come suo padre, si arresero ed altri, come il Duca [[Sergio VII di Napoli]] furono uccisi. Il coraggio di Ruggero nella battaglia lo rese famoso.
 
Alla morte di Rainulfo ([[1139]]), la Puglia venne resa sicura, ma Innocenzo e lo spodestato Principeprincipe [[Roberto II di Capua]] iniziarono a marciare contro la capitale formale del principe. A [[Galluccio]], Ruggero tese un'imboscata alle truppe papali con solo un migliaio di cavalieri, riuscendo a catturare il pontefice e la sua corte.
 
Tre giorni dopo, il [[25 luglio]], con il [[Trattato di Mignano]], Innocenzo confermò il padre come Re di Sicilia, Ruggero come duca di Puglia e il terzo figlio, [[Alfonso d'Altavilla|Alfonso]], come principe di [[Capua]], ufficialmente al servizio di Roberto.
Subito dopo, il duca Ruggero prese possesso della città di [[Napoli]] e la rese parte integrande del regnoRegno, mettendo fine al governo repubblicano che aveva imperato dalla morte di Sergio.
{{Coin image box 1 double
| header = '''[[Ducale (moneta)|Ducale]]''' di [[Ruggero II di Sicilia|Ruggero II]] e Ruggero III
 
In quel periodo, alla fine del [[1140]], giunse colei che sarebbe divenuta la moglie di Ruggero, Isabella, dalla corte del di lei padre, [[Teobaldo II di Champagne]].
La compagna più famosa di Ruggero, ad ogni modo, fu la sua amante, Emma, figlia di [[Accardo II di Lecce]], da cui ebbe un figlio illegittimo, [[Tancredi di Sicilia|Tancredi]], che divenne poi Re di Sicilia.
 
La compagna più famosa di Ruggero, ad ogni modo, fu la sua amante, Emma, figlia di [[Accardo II di Lecce]], da cui ebbe un figlio illegittimo, [[Tancredi di Sicilia|Tancredi]], poi Re di Sicilia.
 
In quello stesso anno 1140, [[Riccardo III di Gaeta]] morì senza eredi ed il suo ducato venne affidato a Ruggero.
 
Nel [[1149]] assediò la città di [[Rieti]] e quindi la incendiò.
 
Nel [[1148]] appena trentenne, il Duca Ruggero morì in circostanze sconosciute ed in un luogo sconosciuto. Egli venne cantato dal poeta arabo [[Abu ed-Daw]].
 
==Bibliografia==
* John Julius Norwich, ''Il Regno del Sole 1130-1194'', ed. Mursia:, Milano 1971 (ed. orig. ''The Kingdom in the Sun 1130-1194''., Longman:, Londra, 1970).
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo