Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
|Descrizione_simbolo2=
}}
I '''frumentarii''' (lat.) erano soldati specializzati dell'[[esercito romano]] (quindi facenti parte degli ''[[immunes]]'') che, fin dai tempi della [[Repubblica]], provvedevano all'approvvigionamento delle [[legione romana|legioni]];<ref>{{CIL|3|6108}} (p 1313) esempio di ''miles frumentarius'' della [[legio X Fretensis]], forse dell'epoca di [[Augusto]].</ref> erano pressappoco dei furieri, ordinati per ogni legione in un ''numerus''<ref>{{AE|1994|1443}}, {{AE|1994|1446}}, {{CIL|6|11726}} e {{CIL|14|125}}.</ref> (distaccamento) dipendente da ''centuriones frumentarii''<ref name="centurioprinceps">{{AE|1978|415}}.</ref><ref>{{CIL|3|7041}}, {{AE|2003|931}}, {{CIL|3|1180}}, {{CIL|3|8570}}, {{CIL|11|1322}}, {{AE|1980|828}}, {{CIL|3|12371}}.</ref> o da ''praefectus frumentarium''<ref>{{CIL|11|4651}}.</ref> e con la sede centrale nei ''[[castra di Roma antica|castra peregrina]]'',<ref>{{AE|1980|48}}.</ref> inizialmente così chiamati proprio perché di [[province romane|origini provinciali]]. La natura particolare del loro ufficio ne determinò l'evoluzione (sotto [[Publio Elio Traiano Adriano|Adriano]]) in "corrieri" o, meglio, "polizia segreta" addetta alla sicurezza interna;<ref>{{CIL|5|6869}} ''frumentarius'' della [[legio III Italica]], legione costituita al tempo dell'Imperatore [[Marco Aurelio]]; {{AE|1996|1604}} ''frumentarius'' della [[legio III Cyrenaica]] al tempo di [[Valeriano]]; {{CIL|3|1474}} ''frumentarius'' della [[legio VI Victrix]].</ref> erano coloro i quali - a Roma e nelle province d'Italia - "scrutavano nei segreti di tutti", ossia erano addetti al controllo interno e quindi alla sicurezza delle istituzioni quali il [[Senato romano|Senato]] e l'Imperatore. Un'iscrizione riporta infatti che potevano essere addetti al carcere:
{{Quote|''Dis Manibus Cornelio Florinio(?) frumentario [[legio X Gemina|legionis X Geminae]] Elpinius Festianus frumentarius [[legio I Adiutrix|legionis I Adiutricis]] agens curam carceris in memoriae causae contubernale carissimo''.|{{CIL|3|433}} da [[Efeso]].}}
o anche alla custodia delle armi:
{{Quote|''frumentarius [[legio X Gemina|legionis X Geminae Piae Fidelis]] agens curam custodiae armorum v[...]''.|{{AE|1933|256}} da [[Sardi (città)|Sardi]] in [[Asia minore]].}}
 
Insieme alla formazione degli ''speculatores'', ("esploratori" o meglio "addetti allo spionaggio") - che erano di fatto deputati alla raccolta di informazioni in tutte le province dell'impero ed alla sicurezza dello Stato - costituivano i [[Servizi Segreti]] dell'[[Impero romano|Impero]]. Erano comandati dal ''princeps peregrinorum'',<ref name="centurioprinceps"/><ref>{{AE|1919|26}}, {{AE|1919|28}}, {{AE|1973|630}}.</ref> deputato alla sicurezza globale dello Stato, che, nelle sue funzioni, riferiva direttamente all'Imperatore. In alcuni casi, dopo aver ricoperto questo ruolo, erano promossi al grado di ''[[beneficiarius]]''.<ref>{{CIL|8|17627}}; {{AE|1994|1446}}; IL Jug-3, 1392; {{AE|1992|1871}}.</ref>
 
Istituiti nel 200 a.C., furono aboliti sotto [[Diocleziano]] e sostituiti dagli ''agentes in rebus''.<ref>{{AE|1898|133}}; {{AE|2006|1765}}; {{CIL|6|32874}}; {{AE|1982|930}}; {{CIL|10|7200}} dell'epoca di [[Costanzo II]] e [[Costante I]]; ICUR-7, 17490a databile al [[385]].</ref>