Historia Norvegiæ: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (r2.7.1) (Bot: Aggiungo: uk:Historia Norwegiæ)
mNessun oggetto della modifica
L<nowiki>'</nowiki>'''''Historia Norvegiæ''''' è una breve [[storia della Norvegia]] scritta da un [[monachesimo|monaco]] intorno alla seconda metà del [[XII secolo]]. L'unico manoscritto esistente, proprietà privata dello [[jarl di Dalhousie]] e conservato nel [[castello di Brechin]] in [[Scozia]], è frammentario; in precedenza era stato datato intorno al [[XV secolo]], ma ora sembra che sia datato intorno al [[Anni 1500|1500]]-[[Anni 1510|1510]] (Kunin e Phelpstead, [[2001]]). Esso contiene:
*una breve panoramica della [[geografia della Norvegia]] e dei suoi domini, seguiti da una breve storia della [[Norvegia]];
*la genealogia degli [[jarl delle Orcadi]];
*una lista dei [[Elenco di monarchi norvegesi|re di Norvegia]].
 
Il testo è importante, tra le altre cose, perché esso costituisce una versione (in traduzione [[lingua latina|latina]]) dell<nowiki>'</nowiki>''[[Ynglingatal]]'' di [[Þjóðólfr da Hvinir]] indipendente da quella della ''[[Saga degli Ynglingar]]'' dell<nowiki>'</nowiki>''[[Heimskringla]]''. Esso contiene inoltre alcuni dettagli etnografici unici, tra cui una descrizione delle tecniche [[Sciamanesimo|sciamaniche]] dei [[Sami]]. È la più antica testimonianza di molti dei fatti storici di cui tratta.
 
Insieme all<nowiki>'</nowiki>''[[Ágrip af Nóregskonungasögum]]'' e all'opera di [[Theodoricus monachus]], l<nowiki>'</nowiki>''Historia Norvegiæ'' è una delle storie sinottiche norvegesi. Si pensa che sia stata la prima ad essere scritta, probabilmente tra il [[1160]] e il [[1175]], anche se il dibattito è stato lungo e il [[1220]] sarebbe stato un termine più conservatore. È stata forse composta da qualche parte nella Norvegia orientale.
 
Il manoscritto fu reso pubblico da P. A. Munch nel [[1850]] col titolo ''Symbolæ ad Historiam Antiquiorem Rerum Norwegicarum''. L'edizione standard è stata per molti anni quella di Storm ([[1880]]) e la prima traduzione [[Lingua inglese|inglese]] quella di Kunin e Phelpstead ([[2001]]); una nuova edizione critica con traduzione è apparsa nel [[2003]].
== Collegamenti esterni ==
*[http://www.gutenberg.org/files/15354/15354-h/15354-h.htm Note e Domande].
 
[[Categoria:Opere letterarie norvegesi]]
[[Categoria:Saghe dei re]]