Diaconicon: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  10 anni fa
Corregge uno o più errori comuni o refusi o entità, replaced: Poichè → Poiché using AWB
(fix)
(Corregge uno o più errori comuni o refusi o entità, replaced: Poichè → Poiché using AWB)
Il diaconicon contiene il ''thalassidion'', un lavacro che sfocia in un posto onorevole in cui possono essere versati i liquidi come l'acqua utilizzata per lavare gli oggetti sacri, e dove il clero può lavarsi le mani prima di officiare la [[Divina Liturgia]]. Il diaconicon di solito ha armadi o cassetti, dove vengono poste le vesti e i paramenti della chiesa ([[paliotto]]). Qui verranno conservati anche il carbone e un recipiente per il riscaldamento, ''zeon'', dell'acqua bollente che si riversa nel [[calice]] prima della comunione, asciugamani e altri oggetti necessari.
 
Soltanto i [[vescovo|vescovi]] o i [[prete|preti]] possono sedere nel [[presbiterio]]; comunque, [[diacono|diaconi]] e coloro che servono da ausilio alla funzione, possono prendere posto nel Diaconicon quando il loro ausilio non è necessario. PoichèPoiché il Diaconicon è ubicato nei pressi dell'[[Iconostasi]] è considerato un luogo sacro, e solo coloro che hanno il compito specifico di svolgere compiti liturgico dovrebbe entrarvi, e le normative riguardanti l'ingresso nel presbiterio vengono applicate anche qui.
 
Durante il regno di [[Giustino II]] ([[565]] - [[574]]), a seguito di un mutamento nella [[liturgia]], il Diaconicon e la Prothesis vennero ubicate in absidi separate da quella centrale o presbiterio. In precedenza esisteva una sola abside.
[[pl:Diaconicon]]
[[ro:Diaconicon]]
[[sr:Ђаконикон]]
[[sh:Diakonikon]]
[[sr:Ђаконикон]]