Differenze tra le versioni di "Alberto Fava"

nessun oggetto della modifica
Si [[laurea]] in [[ingegneria]] presso l'[[Università degli studi di Bologna|Università di Bologna]] (http://www.archiviostorico.unibo.it/template/listStudenti.asp?IDFolder=143&start=true&LN=IT&nEPP=200&offset=19000&filtro=no) il [[16 agosto]] [[1900]], sposa Vittorina Battistini (fu Numa) nel novembre del [[1912]], si trasferisce quindi a Roma per proseguire l'attività di [[ingegnere]] presso il [[Ministero dei Trasporti]]. Ha tre figlie (Gabriella, Maria e Anna Maria, che sposò O. Vodret).
 
Ingegnere specializzato nelle costruzioni delle strutture in [[ferro]]. Sue principali realizzazioni, nel corso della lunga carriera, sono la progettazione e realizzazione della tettoia in ferro per la copertura dei treni e dei viaggiatori della nuova [[Stazione Centrale (Milano)|Stazione Centrale di Milano]],<ref>Servizio a cura di Albero Angela del settembre 2008 http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f51b4fbd-6fa6-46c9-9c1d-70ef2bd0e0a1.html?p=1</ref> inaugurata nel [[1931]], (http://www.storiadimilano.it/citta/milanotecnica/ferrovie/ferr_centrale.htm) e la progettazione e realizzazione della gran parte dei ponti ferroviari in ferro nel centro-nord [[Italia]].
 
Grande Uomo di cultura e di ingegno, raffinato apprezzatore di opere d'arte e di testi di letteratura classica, padre e marito esemplare, ha sempre coltivato, nel corso della sua vita, l'arte della conoscenza e del sapere