Differenze tra le versioni di "Ratufa"

3 649 byte aggiunti ,  9 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (ha spostato Ratufinae a Ratufa)
{{S|mammiferi}}
{{Tassobox
|nome=''Ratufa''<ref name=MSW3>{{MSW3|id=12400001}}</ref>
|nome= Ratufinae
|stato=
|immagine=[[File:Malabar Giantgiant Squirrel-Dograsqirrel.jpg|230x230px230px]]
|didascalia=''[[Ratufa indica]]''
<!-- CLASSIFICAZIONE -->
|dominio= [[Eukaryota]]
|regno= [[Animalia]]
|sottoregno=
|superphylum=
|phylum= [[Chordata]]
|subphylum=
|infraphylum=
|superclasse=
|classe=[[Mammalia]]
|sottoclasse=[[Theria]]
|infraclasse=[[Eutheria]]
|superordine=
|superordine= [[Euarchontoglires]]{{Tassobox gruppo generico|titolo=<small>([[clade]])</small>|nome=[[Glires]]}}
|ordine= [[Rodentia]]
|sottordine=[[Sciuromorpha]]
|infraordine=
|superfamiglia=
|famiglia=[[Sciuridae]]
|sottofamiglia='''Ratufinae'''<br/><span style="font-variant: small-caps"><small>Moore, [[1959]]</small></span>
<small>Moore, 1959</small>
|tribù=
|sottotribù=
|genere='''Ratufa'''
|genereautore=<small>[[John Edward Gray|Gray]], [[1867]]</small>
|sottogenere=
|specie=
|sinonimi=
|nomicomuni=
|suddivisione= [[Genere (tassonomia)|GeneriSpecie]]
|suddivisione_testo=
* ''[[Ratufa affinis|R. affinis]]'' </br>
** ''[[Ratufa bicolor|R. bicolor]]''
* ''[[Ratufa indica|R. indica]]''
* ''[[Ratufa macroura|R. macroura]]''
}}
 
[[File:Ratufa macroura.jpg|230px|thumb|right|Scoiattolo gigante dello Sri Lanka.]]
I '''Ratufinae''' (<small>Moore [[1959]]</small>) costituiscono una [[sottofamiglia]] di [[scoiattolo|scoiattoli]] dell'[[ordine (tassonomia)|ordine]] dei [[Rodentia|Roditori]]. Raggruppa 4 specie di scoiattoli giganti [[Asia|asiatici]].
 
'''''Ratufa''''' <span style="font-variant: small-caps">[[John Edward Gray|Gray]], [[1867]]</span> è un [[Genere (tassonomia)|genere]] della [[Famiglia (tassonomia)|famiglia]] degli [[Sciuridae|Sciuridi]] originario dell'[[Asia sud-orientale]]; costituisce da solo la [[sottofamiglia]] dei '''Ratufini''' ('''Ratufinae''' <span style="font-variant: small-caps">Moore, [[1959]]</span>). Le specie che vi appartengono misurano 25-45 cm di lunghezza e superano in dimensione, quindi, la maggior parte dei [[Mustelidae|Mustelidi]]. Possono pesare fino a 2 o, eccezionalmente, 3 kg, e proprio per questo motivo sono note come scoiattoli giganti; ciononostante, sono superati in dimensione dagli [[Pteromyini|scoiattoli volanti]] più grandi.
==Classificazione==
 
*'''Sottofamiglia Callosciurinae'''
==Tassonomia==
**''[[Ratufa]]''
Gli scoiattoli giganti venivano tradizionalmente considerati parenti stretti dei [[Callosciurinae|Callosciurini]], ma negli ultimi anni l'analisi [[cladistica]] ha dimostrato che questi animali non sono imparentati strettamente con nessuna delle sottofamiglie esistenti. Si tratta, a quanto pare, di un ''[[sister group]]'' di tutti gli altri scoiattoli, e per questo motivo sono stati appunto classificati in una sottofamiglia a parte, i Ratufini.
 
Attualmente il genere ''Ratufa'' comprende quattro specie<ref name=MSW3/>:
 
* ''[[Ratufa affinis]]'' <span style="font-variant: small-caps">(Raffles, 1821)</span> - scoiattolo gigante pallido;
* ''[[Ratufa bicolor]]'' <span style="font-variant: small-caps">(Sparrman, 1778)</span> - scoiattolo gigante nero;
* ''[[Ratufa indica]]'' <span style="font-variant: small-caps">(Erxleben, 1777)</span> - scoiattolo gigante indiano;
* ''[[Ratufa macroura]]'' <span style="font-variant: small-caps">(Pennant, 1769)</span> - scoiattolo gigante dello Sri Lanka.
 
==Descrizione==
Gli scoiattoli giganti presentano tutti un mantello colorato. Lo scoiattolo gigante nero è nero sulle regioni superiori e giallo su quelle inferiori. Lo scoiattolo gigante indiano ha una colorazione di fondo rosso scura, con macchie nere su dorso, spalle e zampe, e regioni inferiori bianco-gialle. Le zampe sono molto robuste e terminano con [[Artiglio|artigli]] affilati.
 
==Distribuzione e habitat==
Gli scoiattoli giganti abitano le cime degli alberi delle [[foresta pluviale tropicale|foreste pluviali tropicali]] dell'[[Asia meridionale]] ([[India]] e [[Sri Lanka]]) e del [[Sud-est asiatico]] ([[Indocina]] e varie isole dell'[[arcipelago malese]]).
 
==Biologia==
Gli scoiattoli giganti sono molto vivaci e possono effettuare salti di 6 m di lunghezza da un ramo all'altro. Riposano dentro le cavità degli alberi e solo durante la stagione riproduttiva costruiscono nidi fatti di ramoscelli. Questi possono assumere dimensioni gigantesche e avere un diametro di sei metri.
 
Come tutti gli altri scoiattoli, anch'essi si nutrono di [[Noce (botanica)|noci]], [[Frutto|frutta]], [[Corteccia (botanica)|corteccia]] e, occasionalmente, [[Uovo (biologia)|uova]] di [[uccelli]]. A differenza di molti scoiattoli, però, non possono rimanere in equilibrio sulle zampe posteriori.
 
Gli scoiattoli giganti sono animali solitari che vivono insieme solo durante la stagione degli amori, per poi separarsi di nuovo. Dopo un periodo di [[gestazione]] di 30 giorni nascono 1-5 piccoli, che raggiungono la [[maturità sessuale]] a due anni di età. Uno scoiattolo gigante indiano è vissuto in cattività fino a vent'anni, età straordinariamente avanzata per un [[roditore]].
 
==Conservazione==
La [[IUCN]] classifica tutte le specie di scoiattolo gigante come prossime alla minaccia, tranne una, lo scoiattolo gigante indiano. In passato lo scoiattolo gigante dello Sri Lanka occupava anche gran parte dell'India meridionale, ma oggi sul continente rimangono solo poche centinaia di esemplari, sparsi in piccole popolazioni. Delle quattro sottospecie di scoiattolo gigante indiano, una, lo scoiattolo gigante di Dang (''Ratufa indica dealbata''), endemica del [[Gujarat]], non viene più avvistata dagli anni '40 ed è con ogni probabilità [[Estinzione|estinta]].
 
==Note==
<references/>
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|commons=Category:Ratufa|wikispecies=CallosciurinaeRatufa}}
 
==Collegamenti esterni==
* [http://www.iucnredlist.org/apps/redlist/search Specie di ''Ratufa''] sulla Lista Rossa della [[IUCN]].
 
==Bibliografia==
*Steppan, S. J. B. L. Storz, and R. S. Hoffmann. 2004. Nuclear DNA phylogeny of the squirrels (Mammalia: Rodentia) and the evolution of arboreality from c-myc and RAG1. Molecular Phylogenetics and Evolution, 30:703-719.
*Thorington, R. W. and R. S. Hoffmann. 2005. Family Sciuridae. Pp 754-818 in Mammal Species of the World A Taxonomic and Geographic Reference. Johns Hopkins University Press, Baltimore.
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|commons=Category:Ratufa|wikispecies=Callosciurinae}}
{{Portale|mammiferi}}
 
1 619

contributi