Business-to-business: differenze tra le versioni

m
mNessun oggetto della modifica
'''''Business-to-business''''', spesso indicato con l'acronimo '''''B2B''''', in [[Lingua italiana|italiano]] '''commercio interaziendale''', è una locuzione utilizzata per descrivere le transazioni commerciali elettroniche tra imprese, in opposizione a quelle che intercorrono tra le imprese ed altri gruppi, come quelle tra una ditta e i consumatori/clienti individuali (B2C, dall'inglese ''Business to Customer'' o ''[[Vendita al dettaglio|Business to Consumer]]'', in italiano '''vendita al dettaglio''') oppure quelle tra una compagnia e il governo (B2G, dall'inglese ''Business to Government'', lett. "azienda-verso-governo).
 
Si tratta di una locuzione utilizzata nel [[commercio elettronico]] o ''e-commerce'', che di solito prende la forma di processi automatizzati tra partner commerciali, e che può anche riferirsi a tutte le transazioni effettuate in una catena di valore industriale, prima che il prodotto finito venga venduto al consumatore finale.
 
Più specificamente, Business-to-Business o B2B indica le relazioni che un'[[impresa]] detiene con i propri fornitori per attività di [[approvvigionamento]], di [[pianificazione]] e [[monitoraggio]] della [[produzione]], o di [[sussidio]] nelle [[attività]] di sviluppo del prodotto, oppure le relazioni che l'[[impresa]] detiene con clienti professionali, cioè altre imprese, collocate in punti diversi della filiera produttiva.
 
Il volume di transazioni di B2B è molto più elevato di quello di transazioni di B2C. Una delle ragioni consiste nel fatto che le imprese hanno adottato tecnologie di [[commercio elettronico]] molto di più di quanto abbiano fatto i consumatori. Inoltre, in una tipica catena di rifornimento (o catena logistica, in ing. ''supply chain''), esistono molte transazioni di B2B, ma soltanto una transazione B2C, dato che il prodotto completo viene venduto al dettaglio al cliente finale.
207 663

contributi