Differenze tra le versioni di "Utente:PersOnLine/uso dell'articolo"

=== L'articolo coi forestierismi, le sigle e le cifre ===
Con le [[forestierismo|parole straniere]], le [[sigla|sigle]] e le [[cifra|cifre]] il criterio generale è quello di adottare lo stesso artico che si userebbe davanti a parola italiana iniziante con lo stesso fonema, presescindendo dalla grafia: si ha quindi ''il chador'' ma ''lo champagne'', perché la prima inizia per /ʧ/ (/ilʧa'dɔr/) e la seconda per /ʃ/ (/loʃʃam'paɲ/); ''lo jodel'' ma ''il jolly'', perché la prima inizia per /j/ (/lo'jɔdel/) e la seconda per /ʤ/ (/ilʤɔlli/).<ref>{{cita|Serianni|IV.6}}</ref> L'unica eccezione è rapprsentata dalle parole inizianti con la lettere ''w''-, davanti alle quali si usano quasi sempre ''il'', ''i'' e ''un'' sia che abbia pronuncia consonantica /v/ (''il wafer'', /il'vafer/), sia che l'abbia semiconsonantica /w/ (''il whisky'' /il'wiski/), in quest'ultimo caso è comuqne anche possibile ''lo'' (eliso) e ''gli'' (l'whisky, /l'wiski/), sebbene sia un uso minoritario;<ref>{{cita|Serianni|IV.8}}</ref> parallelamente con le parole inizianti con ''sw''- (/sw/-) sono invece diffusi ''lo'', ''gli'' e ''uno'' (''lo swahili'' /loswa'ili/; ''lo swing'' /lo'swing/), come se iniziassero per ''s'' complicata, nell'uso formale, sono, però preferibili i più normativi ''il'', ''i'' e ''un'' (''un swing'' /un'swing/).<br/>
Coi forestierismi può esserci il problema dei fonemi estranei al [[sistema fonologico italiano]] o delle differenze fra pronuncia originaria e quella adatta italiana, in genere si fa riferimento alla pronuncia italofona più diffusa - rintracciabile nei vocabolari o nei repertori di pronuncia. UnoUn caso importaimporte di oscillazione si ha con la lettera ''h''-, letterelettera in italiano normalmente muta, ma che in una pronuncia intenzionale può diventare aspirata ([[:/h/]]): nel primo caso si usano i normali articoli prevocalici ''l’'', ''gli'' e ''un'' (''l’hotel'', ''gli harem'', ''un herpes''), nel secondo ''lo'', ''gli'' e ''uno'' come si usa coi gruppi consonantici «esotici» (''lo Hegel'' /lo'hegel/; ''lo Heine'' /lo'haine/),<ref>{{cita|Serianni|IV.7}}</ref><ref>{{cita|Dardano-Trifone|§4.1.1}}</ref> ma in forma minoritaria sono diffusi anche ''il'' e ''i'' (''il Heine'' /ilhaine/; ''i highlanders'' /ihai'lɛnder/)<ref name="Treccani_art" /><ref>Camilli, p. 194</ref>.<br/>
Anche con le sigle<ref group="N">Le regole d'uso degli articoli con le sigle valgono più genericamente per qualsiasi acronimo, abbreviazione, simbolo, codice alfanumerico.</ref> si usa l’articolo richiesto dal genere, dal numero e dalla reale pronuncia adottata, sapendo che per quest’ultima non esiste una regola assoluta: delle sigle possono – e sono appositamente studiate per – essere pronunciate come una parola sola (''il PRA'' /il’pra/, ''lo SME'' /loz’me/, ''l’ONU'' /’lɔnu/, ''la FAO'' /la’fao/, ''gli USA'' /ʎ(i)uza/); altre devono essere scandite per lettere (''il TV'' /ilti(v)’vu/, ''la TV'' /lati(v)’vu/, ''l’OMS'' /’ɔɛmme’ɛsse/, ''l'SMS'' /lɛsseɛmme’ɛsse/); e altre ancora ammettono entrambe le pronunce (''lo PSI'' /lop’si/, ''il PSI'' /ilpiɛsse’i/<ref group="N">Con la grafia ''il PSI'' non è comunque affatto da escludere la pronuncia /ilp’si/, come d’altronde accadere anche con le parole piene: ''il psicologo'']</ref>; ''l’MSI'' /lɛmmessei/, ''il MSI'' /il’mis/)<ref>{{cita|DIPI|lemmi «PSI» e «MSI»</ref>, ma alcune di queste ne ammettono fattivamente una sola (''l’SOS'' /l’ɛsseɔɛsse/). I cosiddetti articoli prevocalici (''l’'', ''gli'', ''un(‘)''), dunque, risultano in uso sia davanti a vocale – si hanno però, correttamente, anche casi come ''lo IOR'' /lo’jɔr/ –, sia a consonante il cui [[Nomi delle lettere dell'alfabeto latino|nome]] inizia per vocale (F, H, L, M, N, R, S) se pronunciate per lettera; in quest’ultimo caso, tuttavia, l’uso non è ben stabile al maschile, mentre al femminile l’elisione è comunque piuttosto rara (''l’UEFA'', ''la UEFA'').<ref>{{cita|Serianni|§IV.9-12}}</ref><br/>
Con le cifre ([[cifre arabe|arabe]] o [[numeri romani|romane]]) ci si comporta come se il numero ([[numerale]] o [[ordinale]]) fosse scritto in lettere (''lo 0 in condotta'' [=’lo zero’], ''il 1(°) maggio'' o ''il I maggio'' [=‘il primo’], ''il XXV aprile'', ''il '700''), con piena legittimazione, quindi, anche delle forme ridotte (''l’1%'', ''l’8 marzo'', ''l’11 settembre'', ''l’800'',<ref group="N">Nel caso di possibile incontro tra due [[apostrofo|apostrofi]], quello dell'elisione dell'articolo (l') e quello dell'aferesi dell'anno (''<nowiki>'</nowiki>88'') o del secolo (''<nowiki>'</nowiki>800), [[Ortografia italiana#L'apostrofo|ortograficamente]] si riduce a uno solo (''l'88'' [=il 1988], ''l'800'' [=il 1800]) </ref> ''l'VIII sec.'').<ref>''[http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=4288&ctg_id=93 L'articolo con le date e le cifre]'', dal sito dell'[[Accademia della Crusca]]</ref>