Apri il menu principale

Modifiche

18 byte aggiunti ,  7 anni fa
nessun oggetto della modifica
{{F|costume|arg2=letteratura|aprile 2011}}
La parola '''''beatnik''''' è stata coniata dal giornalista [[ebreo]] [[Herb Caen]] del "''[[San Francisco Chronicle"]]'', in un suo articolo del [[2 aprile]] del [[1958]], come termine denigratorio per riferirsi ai ''beats'', ovvero ai membri della ''[[Beatbeat generation]]'', come gioco di parole con il satellite sovietico [[Programma Sputnik|Sputnik]], per sottolineare sia la distanza dei ''beat'' dalla società corrente sia il fatto che erano vicini alle idee [[Comunismo|comuniste]], in un'epoca in cui gli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] vivevano un profondo sentimento di anti-comunismo.
 
Gli appartenenti a questo gruppo hanno messo in discussione i canoni tradizionali di "rispettabilità", ribellandosi alle generazioni precedenti, usando apertamente [[Droga|droghe]] illegali e praticando il "[[Attività sessuale umana|sesso]] libero".
Nell'idea di [[Jack Kerouac]], che coniò il termine ''beat'', esso aveva una connotazione positiva, in senso spirituale connesso al termine ''beat''itudine.
 
A partire dal 1958, il termine ''beat'' è stato usato per definire quel particolare movimento letterario ed artistico "anti-materialista", dedito alla spiritualità. Molti artisti ''beat'' divennero, infatti, devoti a movimenti religiosi e filosofie orientali, quali il [[Taoismotaoismo]] ed il [[Buddhismobuddhismo]].
 
==Voci correlate==
Utente anonimo