Differenze tra le versioni di "Superaequum"

nessun oggetto della modifica
''Testo in corsivo''[[File:06 - Piceni et Vestinorum, Pelignorum, Marrucinorum; ac Frentanorum agri descriptio, 1624 - Philip Clüver.jpg|thumb|400px|''Piceni et Vestinorum, Pelignorum, Marrucinorum; ac Frentanorum agri descriptio'', [[1624]] - [[Philip Clüver]]]]
 
'''Superaequum''' è uno dei tre municipii in cui gli antichi Romani suddivisero il territorio degli antichi Peligni (''Superaequum, Corfinium'' e Sulmo).<p>
La "querelle" sull'esatta ubicazione del ''municipium'' rappresenta una "''vexata questio''" che si trascina sin dal Cinquecento: tre delle cinque iscrizioni che attestano l'etnico Superaequani provengono da Castelvecchio Subequo, ma quasi tutti i comuni della Valle Subequana hanno restituito iscrizioni celebrative dei duoviri superequani (gli amministratori collegiali dei municipi romani istituiti dopo la riforma cesariana).<p>
A ridosso della municipalizzazione della Valle Subequana, evento collocabile dopo la fine del ''Bellum sociale'', si colloca la realizzazione di nuove opere pubbliche soprattutto negli attuali territori di Castelvecchio Subequo e Gagliano Aterno. Per quanto alcune iscrizioni facciano riferimento ad una civitas (=lat. comunità) ed altre ad un municipium dei Superequani, mancano del tutto i riferimenti ad una "città" di '''Superaequum''', né sono stati mai localizzati resti archeologici (mura, pomerium, rete idrica, rete fognaria) che consentano di identificare la pianta urbana di una città del periodo augusteo.<p>
Più probabilmente il ''municipium'' dei Superequani è da intendersi come entità di natura puramente amministrativa, nel senso che i pagi italici della Valle Subequana potrebbero aver soltanto rimpiazzare i rispettivi organi amministrativi indipendenti con un nuovo organo collegiale previsto dall'ordinamento costituzionale dello Stato romano. Durante la parentesi municipale, i pagi sembrano aver esercitato a turno il duovirato come suggerito dal fatto che le attestazioni epigrafiche del duovirato superequano provengono dai vari comuni della Valle Subequana.<ref>InNella unaValle iscrizioneSubequana dellaè Vallestata Subequanarinvenuta compareanche persinouna ilattestazione riferimentoepigrafica adrelativa unal quattruoviroquattruovirato, ma il contesto di provenienzal'attruibuzione di questa iscrizione al contesto superequano non è dubbiosenza problemi. Si veda la voce [[Secinaro]] - sez. Medioevo</ref>.<p>
 
==Note==
Utente anonimo