Differenze tra le versioni di "Superaequum"

nessun oggetto della modifica
Il ''municipium'' dei Superequani è da intendersi innanzitutto come entità di natura amministrativa, nel senso che i pagi italici della Valle Subequana potrebbero aver soltanto rimpiazzare i rispettivi organi amministrativi indipendenti con un nuovo organo collegiale previsto dall'ordinamento costituzionale dello Stato romano. Per quanto alcune iscrizioni facciano riferimento ad una civitas (=lat. comunità) ed altre ad un municipium dei Superequani, non sono stati mai localizzati resti archeologici (mura, pomerium, rete idrica, rete fognaria) che facciano pensare alla fondazione di una città nel periodo augusteo. Vi è chi ipotizza che uno dei pagi della Valle Subequana potrebbe aver cambiato il proprio titolo costituzionale in municipium dei Superequani e questo pagus potrebbe essere quello di Castelvecchio Subequo.<p>
Il fatto che le attestazioni epigrafiche relative al duovirato superequano provengano dai vari comuni della Valle Subequana lascia tuttavia supporre che i pagi della Valle Subequana abbiano fornito a turno i duoviri al neonato municipium.<p>
Nella Valle Subequana, per la precisione in territorio di Secinaro, è stata rinvenuta anche una attestazione epigrafica relativa al quattruovirato,: ma la pertinenzal'assegnazione di questa iscrizione al contesto epigrafico superequano non puòè dirsituttavia senza problemi (si veda la certavoce [[Secinaro | Medioevo e Rinascimento]]</ref>).<p>
 
==Note==
Utente anonimo