Differenze tra le versioni di "Energia nucleare"

(LiveRC : Annullata la modifica di 78.4.104.126; ritorno alla versione di 81.73.128.22)
La produzione elettro-nucleare è poco influenzata da ragioni geopolitiche.
 
L'energia nucleare a fini pacifici, infatti, non è mai stata sostanzialmente toccata dagli embarghi e l'[[uranio]] è estratto in Paesi, quali l'[[Australia]] e il [[Canada]], politicamente stabili (mentre per la maggioranza dei Paesi fornitori di [[gas naturale]] e [[petrolio]] la situazione è ribaltata) e in più, considerato che il costo del minerale è (almeno attualmente) una voce poco preponderante del complesso degli oneri d'esercizio, anche eventuali turbolenze internazionali che lo facessero lievitare non influirebbero poi molto sul prezzo finale dell'[[Energia potenziale elettrica|energia elettrica]] (come invece avviene con le [[Centrale termoelettrica|centrali termoelettriche]] alimentate a [[olio combustibile]] e [[gas naturale]]<ref>E' noto che negli ultimi anni le materie prime fossili come il petrolio hanno avuto un incremento notevole che ha portato per esempio nel 2005 il costo medio dell'energia elettrica negli Stati Uniti d'America a 5 centesimi di euro al kWh.</ref>).
 
Secondo alcuni, le ragioni di alcune rinunce all'uso di questa fonte energetica sono da ricercare più che altro nelle forti pressioni che la [[Lobby del petrolio|''lobby'' del petrolio]] esercita sui governi nazionali<ref>[http://www.cise2007.eu/Le%20origini/Filmati%5CGliAnniDellAtomo%5CGliAnniDellAtomo.htm Parte seconda del filmato. Così è stato in Italia].</ref>, dal momento che il ricorso all'energia nucleare porterebbe a una significativa riduzione della dipendenza dai [[combustibili fossili]] e naturalmente dai gruppi industriali che basano le loro attività sul commercio degli stessi.
Utente anonimo