Differenze tra le versioni di "Giro delle Fiandre 2011"

Annullata la modifica 48289236 di 93.145.251.30 (discussione) wikinews non puo essere usata come fonte!
(Annullata la modifica 48289236 di 93.145.251.30 (discussione) wikinews non puo essere usata come fonte!)
 
== Riassunto ==
{{citazione necessaria|Le prime tre ore della gara, partita da Bruges, furono caratterizzate da una fuga di cinque corridori, composta da i britannici [[Jeremy Hunt]] ([[Sky Professional Cycling Team|Sky]]) e [[Roger Hammond]] ([[Garmin-Cervélo|Garmin]]), il francese [[Sébastien Turgot]] ([[Team Europcar|Europcar]]), l'australiano [[Mitchell Docker]] ([[Skil-Shimano|Skil]]) e l'olandese [[Stefan van Dijk]] ([[Verandas Willems-Accent]]). I cinque guadagnarono fino a 8 minuti, ma al chilometro 170, in corrispondenza dell'[[Oude Kwaremont]] e a 86 km dall'arrivo, furono gradualmente ripresi, con il gruppo che arrivò compatto ai piedi del [[Koppenberg]]. Il muro fu superato senza problemi dal gruppo e dai principali favoriti che restarono tutti nelle prime posizioni; allo scatto di [[Simon Clarke]] ([[Pro Team Astana|Astana]]) risposero il francese [[Sylvain Chavanel]] ([[Quickstep Cycling Team|Quickstep]]), l'olandese [[Lars Boom]] ([[Rabobank Cycling Team|Rabobank]]) e il norvegese [[Edvald Boasson Hagen]] (Sky). I quattro guadagnarono 20 secondi sul gruppo, ridotto ormai a 50 unità, e si aggiunsero loro anche [[Greg Van Avermaet]], [[Tom Leezer]], [[Mathew Hayman]] e [[Frédéric Guesdon]]; gli otto fuggitivi affrontarono il [[Molenberg]] e, proprio su questo muro, attaccò Chavanel che riuscì a staccare i compagni di fuga e guadagnare un minuto in poco più di sette chilometri. Sul [[Leberg]], [[Tom Boonen]] (Quickstep) piazzò un attacco per togliersi di ruota i rivali e riuscirono a rispondere efficacemente solo [[Filippo Pozzato]] ([[Team Katusha]]) e [[Fabian Cancellara]] ([[Leopard-Trek]]). Lo svizzero approfittò a sua volta dell'attacco del belga e riuscì a staccare tutti, riprendendo facilmente i contrattaccanti e raggiungendo ai meno 32 Chavanel. Li inseguirono un gruppetto composto da Boonen, Pozzato, [[Björn Leukemans]], Boom, Van Avermaet e Boasson Hagen con il vantaggio dei fuggitivi che aumentò fino al minuto. Cancellara, dopo aver tirato per più di 30 chilometri senza ricevere alcun cambio da Chavanel, non riuscì a rifornirsi, rimanendo senz'acqua. Al momento di affrontare il [[Muro di Grammont]], a 16 chilometri dal traguardo, lo svizzero accusò i crampi, il vantaggio dei due si consumò in pochissimi chilometri e furono ripresi a metà muro, da un gruppetto di cui facevano parte anche il belga [[Nick Nuyens]] ([[Team Saxo Bank]]), [[Alessandro Ballan]] ([[BMC Racing Team]]) e [[Philippe Gilbert]] ([[Omega Pharma-Lotto]]). Sul [[Bosberg]] Gilbert attaccò e riuscì a guadagnare qualche secondo insieme a Ballan, staccando Cancellara e Boonen, ma fu rapidamente ripreso dopo un'azione di pochi chilometri. Il gruppo procedette compatto fino a 3 chilometri dal traguardo, quando Cancellara, ripresosi dalla crisi, lanciò un secondo attacco a cui reagirono solo Chavanel e Nuyens, che una settimana prima aveva vinto a [[Waregem]] la [[Dwars door Vlaanderen]]. I tre riuscirono a guadagnare una manciata di secondi e ad arrivare al traguardo: Cancellara lanciò la volata, ma fu saltato da Chavanel e Nuyens, che si giocarono la vittoria. Alla fine a spuntarla fu il belga Nick Nuyens, che andò così a vincere il suo primo [[Giro delle Fiandre]].<ref>http://it.wikinews.org/wiki/Ciclismo:_Nick_Nuyens_vince_il_Giro_delle_Fiandre_2011</ref>}}
 
== Classifica (Top 10) ==
78 657

contributi