Apri il menu principale

Modifiche

 
== Struttura ==
Il libro si compone di sei brani costituiti sullo stesso tipo: [[Jahve]], o il suo [[profeta]], lancia un'affermazione che è discussa dal popolo o dai sacerdoti, e che è sviluppata in un discorso in cui si alternano minacce e promesse di salvezza. Si inizia con il distinguere tra l'amore di Dio come padrone, e quello come padre: se il popolo non riesce ad amarlo come padre, deve almeno rispettarlo come padrone ({{passo biblico|Ml|1,6}}).<ref>[http://books.google.it/books?id=koMB5u-GqIMC&pg=PA245&dq=malachia+dio+padre+padrone&hl=it&sa=X&ei=DsR5T5qmMaaB4gT7kPD-Dg&ved=0CDQQ6AEwAA#v=onepage&q=%20padrone&f=false Jacob ben Abba Mari ben Samson Anatoli, 2004]</ref>
Ci sono due grandi temi: le colpe culturali dei sacerdoti e anche dei fedeli ({{passo biblico|Ml|1,6}}), ({{passo biblico|Ml|2,9}}), ({{passo biblico|Ml|3,6-12}}), e lo scandalo dei matrimoni misti e dei divorzi ({{passo biblico|Ml|2,10-16}}). Il profeta annunzia il giorno di Jahve, che purificherà i membri del sacerdozio, divorerà i cattivi ed assicurerà il trionfo dei giusti ({{passo biblico|Ml|2,1-5.13-21}}). Il passo {{passo biblico|Ml|3,22-24}} è aggiunto come conclusione della raccolta dei dodici profeti minori.
 
1 217

contributi