Differenze tra le versioni di "Carlo Coccia"

m
virgola
(dettaglio composizioni)
m (virgola)
Era figlio di un violinista di Napoli. Il padre l'aveva destinato allo studio dell'architettura, ma la sua passione per la musica fece cambiare questo progetto.<ref name="fetis">''Coccia (Charles)'', in François-Joseph Fétis, ''Biographie universelle des musiciens et bibliographie générale de la musique'', vol. 2, pagg. 326-327, Parigi, Firmin-Didot (Paris), 1866-1868 [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k69718c.r=fétis+biographie.langFR online]</ref>
 
Un oscuro insegnante, di nome Visocchi<ref name="fetis" />, gli insegnò i rudimenti della musica. Coccia aveva una bella voce da soprano e cantava nelle chiese.<ref name="fetis" /> All'età di nove anni ricevette lezioni da Pietro Casella.<ref name="fetis2">''Coccia (Carlo)'', in François-Joseph Fétis, ''Biographie universelle des musiciens et bibliographie générale de la musique. Supplément et complément.'', vol. 1, Parigi, Firmin-Didot (Paris), 1878-1880 [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k697260.r=fétis+biographie.langFR online]</ref> Ancora giovanissimo, compose una serenata, alcuni solfeggi, una cantata e un capriccio per piano.<ref name="fetis" /> Continuò poi gli studi al [[Conservatorio di Santa Maria di Loreto]]<ref name=villarosa>''Coccia Carlo'', in Carlo Antonio de Rosa di Villarosa, ''[http://books.google.fr/books?id=oecWAAAAYAAJ&printsec=frontcover&hl=it Memorie dei compositori di musica del regno di Napoli: raccolte dal marchese di Villarosa]'', Stamperia reale, Napoli, 1840, pagine 50-52</ref>, dove ebbe come insegnanti [[Saverio Valente]] (per il canto<ref name = florimo>''Carlo Coccia'', in Francesco Florimo, ''[http://www.archive.org/details/cennostoricosul01florgoog Cenno storico sulla scuola musicale di Napoli]'', Tipografia di Lorenzo Rocco, Napoli, 1869, volume I, pagine 528-534</ref>
) e [[Fedele Fenaroli]] (per contrappunto e composizione<ref name = florimo />). Uscito dal conservatorio conobbe [[Giovanni Paisiello]]<ref name=florimo /> che lo perfezionò nella composizione e lo prese sotto la propria protezione: grazie alle sue raccomandazioni, Coccia poté essere ammesso come insegnante di musica nelle migliori case di Napoli, e venne nominato accompagnatore al piano per i concerti privati del re [[Giuseppe Bonaparte]].<ref name="fetis" />