Gabbai: differenze tra le versioni

72 byte aggiunti ,  10 anni fa
m
rifer.
(Nuova voce con riferimenti e link)
 
m (rifer.)
La parola "gabbai" è [[lingua aramaica|aramaica]] e ai tempi del [[Talmud]] significava collettore di tasse o di carità, o tesoriere.<ref>Cfr. ''[http://www.tyndalearchive.com/tabs/jastrow/ Dizionario dei Targumim, Talmud Bavli, Talmud Yerushalmi e Letteratura Midrashica]'' di Marcus Jastrow. (Londra, 1903) 1971/2004, p. 206. [[ISBN]] 1-932443-20-7 {{en}}</ref>
 
Nell'[[ebraismo]], il termine "bidello" (in [[ebraico]]: "[[Šamaš|shamash]]") viene usato a volte al posto di ''gabbai'', e indica un "custode" o "[[factotum]]" di sinagoga. Moshe il Custode, gabbai della sinagoga di [[Sighet]] negli [[anni 1940]], è un importante personaggio del romanzo ''NotteLa notte'', di [[Elie Wiesel]].<ref>Cfr. Elie Wiesel, ''La notte'', La Giuntina, Firenze 1980.</ref>
 
==Note==