Gabbai: differenze tra le versioni

4 byte rimossi ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (rifer.)
Nessun oggetto della modifica
'''Gabbai''' ({{ebraico|'''גבאי''' }}) (o a volte: '''Shamash''' שמש) è una persona che assiste nei servizi di [[sinagoga]] e nella sua gestione, assicurandosi che tutte le relative esigenze siano sempre soddisfatte, per esempio che i [[preghiera ebraica|servizi liturgici di preghiera]] vengano officiati regolarmente ed efficientemente; ha inoltre mansioni di assistente del [[rabbino]] (nell'[[chassidismo|ebraismo chassidico]], come segretario o assistente personale del [[Rebbe]]). Spesso il gabbai ha anche l'obbligo di mantenere il cimitero [[ebraismo|ebraico]].
 
In molte sinagoghe il gabbai non è un'occupazione permanente, come sopra descritta, ma rappresenta piuttosto un ruolo nel servizio della [[Torah]]. Il gabbai è responsabile di chiamare i fedeli alla lettura della Torah (''aliyah''); in alcune sinagoghe, il gabbai sta vicino al lettore della Torah, tenendo in mano una versione del testo con vocali e cantillazioni (speciale sillabazione e grafia dell'[[ebraico]] che non appare sullo scrollo sinagogale della Torah), e segue il lettore rendendosi sicuro che non faccia errori (per es., sbagli pronuncia o salti una parola). In altre sinagoghe, questo ruolo è assunto da un'altra persona, chiamata '''sgan''' סגן.
 
La parola "gabbai" è [[lingua aramaica|aramaica]] e ai tempi del [[Talmud]] significava collettore di tasse o di carità, o tesoriere.<ref>Cfr. ''[http://www.tyndalearchive.com/tabs/jastrow/ Dizionario dei Targumim, Talmud Bavli, Talmud Yerushalmi e Letteratura Midrashica]'' di Marcus Jastrow. (Londra, 1903) 1971/2004, p. 206. [[ISBN]] 1-932443-20-7 {{en}}</ref>
 
Nell'[[ebraismo]], - il termine "bidello" (in [[ebraico]]: "[[Šamaš|shamash]]") viene usato a volte al posto di ''gabbai'', e- indica un "custode" o "[[factotum]]" di sinagoga. Moshe il Custode, gabbai della sinagoga di [[Sighet]] negli [[anni 1940]], è un importante personaggio del romanzo ''La notte'', di [[Elie Wiesel]].<ref>Cfr. Elie Wiesel, ''La notte'', La Giuntina, Firenze 1980.</ref>
 
==Note==
11 973

contributi