Differenze tra le versioni di "Publio Quintilio Varo il Giovane"

Annullata la modifica 49195354 di M. Gavius Apicius (discussione)
(Annullata la modifica 49195354 di M. Gavius Apicius (discussione))
Attraverso la madre era cugino dell'imperatrice romana Valeria [[Messalina]], di suo fratello [[Marco Valerio Messala Corvino]], cugino di secondo grado della figlia di Messalina [[Claudia Ottavia]] e di [[Tiberio Claudio Cesare Britannico]]. Inoltre era cugino di secondo grado dei nipoti di Augusto [[Emilia Lepida]] e [[Marco Emilio Lepido]].
 
Nel [[7]], il padre fu eletto Governatore della [[Germania]]. Il 9 settembre suo padre si suicidò a causa della sconfitta nella [[Battaglia della foresta di Teutoburgo]], nella [[Germania Inferiore]]. Sua madre non si risposò. Nel [[26]], sua madre morì in esilio, vittima di un tradimento.
 
Nell'ambito del Circolo di [[Gaio Cilnio Mecenate|Mecenate]], fu soprattutto un severo critico letterario, cui gli altri poeti si affidavano per la sua competenza e per la sua sincerità di giudizio.
 
Varo fu un'altra vittima del tradimento di [[Seiano]]. Nel [[27]], fu accusato e condannato.
 
[[Orazio]], nell'[[Odi (Orazio)|Ode]] XXIV del primo libro, consola l'amico [[Virgilio]] per la morte di Varo.
 
==Bibilografia==
*[[Mario Citroni]], Franca Ela Consolino, Mario Labate, Emanuele Narducci, ''Letteratura di Roma Antica'', Editori Laterza, Bari 1997
 
{{CircoloMecenate}}
 
{{Portale|Antica Roma|biografie}}
 
246

contributi