Differenze tra le versioni di "Dativo"

557 byte aggiunti ,  7 anni fa
nessun oggetto della modifica
(un po' di ritocchi)
Il [[caso (linguistica)|caso]] '''dativo''' è presente in varie [[lingua (idioma)|lingue]]; in [[lingua italiana|italiano]] è limitato ad alcuni pronomi, mentre è di uso esteso e frequente in molte lingue che conoscono una declinazione del nome e/o dell'aggettivo, come il [[lingua latina|latino]], il [[Lingua greca|greco]] o il [[lingua russa|russo]]. In queste ultime lingue, nelle grammatiche, occupa spesso, convenzionalmente, il terzo posto, dopo [[nominativo]] e [[genitivo]].
 
Il dativo esprime spessodi regola l'oggetto indiretto / [[complemento di termine]], ma è spesso retto da preposizioni per esprimere diverse altre funzioni.
==Italiano==
 
In italiano, una declinazione del nome è assente, per cui un vero caso dativo si ha solo con alcuni pronomi, in particolare quelli personali (nei quali, peraltro, solo le terze persone hanno una forma di dativo distinta da quella dell'accusativo).
*1 persona: '''''mi''' vedono'' (complemento oggetto) / '''''mi''' dicono'' (complemento di termine)
*3 persona: '''''lo/la''' vedono'' / '''''gli/le''' dicono''
Un altro pronome che possiede il dativo è quello relativo (in cui peraltro la forma coincide con quella del genitivo): ''cui''.
== Latino ==
In latino il dativo assume normalmente la funzione di [[complemento di termine]] (per esempio: ''do librum '''Marco''''', do il libro '''a Marco''') o anche di vantaggio (per esempio: ''pugno '''patriae''''', combatto '''per la patria'''). Può avere anche altre funzioni, come ad esempio il ''dativo etico'', usato in espressioni a carattere affettivo (per esempio: ''vale '''mihi''', sta'''mmi''' bene).