Differenze tra le versioni di "Anitya"

6 byte aggiunti ,  8 anni fa
nessun oggetto della modifica
# l'impermanenza o cambiamento o divenire (''anitya'');
# la sofferenza o l'insoddisfacibilità connaturata alle cose mondane (''[[duḥkha]]'');
# il ''non '' o l'insostanzialità della personalità o l'inesistenza di un'anima incorruttibilenucleo permanente e separato (''[[anātman]]'').
 
Insieme queste tre caratteristiche fondamentali dell'esistenza, della vita di ogni "[[Esseri senzienti (Buddhismo)|essere senziente]]", formano la base causale della dottrina delle [[Quattro Nobili Verità]] e quindi della ricerca spirituale [[buddhismo|buddhista]], consistente nella vita [[ascesi|ascetica]] per i membri delladel [[sangha|comunità monastica]], e nella coltivazione del [[Nobile Ottuplice Sentiero]] e dei [[precetti buddhisti]] per tutti i praticanti buddhisti: monaci, monache, laici e laiche, che costituiscono la tradizionale quadripartizione della società buddhista.
 
Nelle parole di Bhikkhu Ñanamoli:
Utente anonimo