Differenze tra le versioni di "Coscienza (psicologia)"

nessun oggetto della modifica
La '''coscienza''' (''Nella formulazione freudiana, in tedesco Bewusstsein'') è una qualità della [[mente]] che di solito include altre qualità quali ad esempio la [[soggettività]], la [[autoconsapevolezza]], la [[conoscenza]] e la capacità di individuare le relazioni tra sé e il proprio [[ambiente circostante]].
 
Nel linguaggio comune, si intende per ''coscienza'' la [[consapevolezza]] dell’ambiente circostante e la facoltà di interagire con esso; ciò in contrasto all’[[inconsapevolezza]]. L’espressione 'livelli di coscienza' indica che la coscienza pare variare a seconda dei diversi stati mentali (come per esempio l’[[immaginazione]] e i [[sogno ad occhi aperti|sogni ada occhi aperti]]). L’incoscienza si definisce, per negazione, come lo stato mentale nel quale la coscienza è assente. In alcuni filoni di pensiero, soprattutto religiosi, la coscienza non si estingue dopo la morte ed è presente anche prima della nascita.
 
Ma, appena oltre la percezione comune, la coscienza è ben difficile da definire o individuare. Molte tradizioni culturali e religiose situano la coscienza in un’[[anima]] separata dal corpo. Per contro, molti scienziati e filosofi considerano la coscienza qualcosa di inseparabile dalle funzioni neurali del [[cervello]].
Utente anonimo