Differenze tra le versioni di "Lord Soth"

replaced: una a → un'a, typos fixed: caddè → cadde using AWB
m (Bot: Correzione di uno o più errori comuni)
(replaced: una a → un'a, typos fixed: caddè → cadde using AWB)
 
Isolde rivelò a Soth la sua visione, ed egli s'impegnò in questa ricerca. Durante il suo viaggio, però, incontrò quelle stesse chieriche, una volta compagne di Isolde, che avvelenarono la mente di Soth con bugie su una presunta infedeltà di sua moglie con uno dei suoi cavalieri: esse gli dissero che era stato mandato in ricerca perché sua moglie sapeva che sarebbe morto, e che questo era un suo grande desiderio da lungo tempo.
Adirato, Soth abbandonò la sua ricerca e giunse dinanzi a sua moglie nel momento in cui il Cataclisma cominciava: in quel momento, un candeliere caddècadde sulla donna e sul figlio neonato, incendiando le loro vesti. Isolde lo implorò di salvare almeno il loro bambino, ma Soth le voltò le spalle, accecato dall'odio. Con il suo ultimo respiro quindi, la moglie lo maledisse: «Lord Soth! Che tu sia maledetto! Vivrai una vita per ogni ogni vita che la tua follia ha spezzato oggi», e pronunciata la maledizione il fuoco sommerse l'intera fortezza, apparentemente uccidendo Soth, i suoi seguaci ed il resto degli abitanti di Dargaard Keep.
Ma Soth non morì... divenne un Cavaliere della Morte, ed i suoi seguaci divennero guerrieri scheletrici. Le sacerdotesse elfiche divennero ''[[banshee]]'', maledette anch'esse, condannate a ricordargli la sua follia ogni notte.
 
Mentre Takhisis stava tentando di entrare in [[Krynn]] nella sua forma fisica, Soth era al comando della sua legione di non morti. Sotto il suo comando, un grande numero di creature non morte (inclusi molti dei suoi seguaci cavalieri della morte e banshee con carri trainati da viverne) aprì una breccia in Palanthas, la Città mai Conquistata. Comunque sia, Soth aveva i suoi motivi. Il suo scopo era non di servire Takhisis, ma di acquisire l'anima di uno dei suoi generali, un Sommo Signore dei [[Creature di Dragonlance#Draghi|Draghi]], la donna umana [[Kitiara Uth Matar]]. La natura autosufficiente e la forte vitalità della donna avevano riacceso in qualche modo il suo cuore di non morto, ed egli voleva farla divenire la sua consorte eterna.
Comunque, a causa della slealtà di uno dei suoi servitori, Caradoc, il suo piano andò in fumo.<br>
 
Il [[gioco di ruolo]] per PC ''Death Knights of Krynn'' (nel quale Soth è rappresentato) è ambientato durante questa era.
Le nebbie di Ravenloft strapparono Soth e Caradoc da Krynn mentre i due combattevano e li divise. Quando le nebbie di Ravenloft presero Soth, lui fu portato nel dominio di Barovia. Volendo ritornare a Krynn, Soth cercò Strahd Von Zarovich, il sovrano del dominio sperando che Strahd l'aiutasse.<br>
Strahd tentò di usare Soth a suo vantaggio, ma questo gli costò per fortuna un solo [[drago]] rosso, il quale era uno dei suoi guardiani del castello. Dopo una serie di avventure con la ragazza Vistani Magda e il tasso mannaro Azrael Dak, Soth aveva scoperto che Strahd stava nascondendo Caradoc presso di sè. Soth attaccò incessantemente Strahd e il vampiro non ebbe nessuna nessun'alternativa al rilascio di Caradoc per tenere il suo dominio integro. Soth inseguì poi Caradoc finché finalmente lo catturò sull'orlo delle Nebbie.
 
A Soth fu concesso in seguito il dominio Sithicus ("terra di spettri" nella lingua elfica) in Ravenloft, ma fu privato della la sua vendetta contro Caradoc. Il suo castello, Nedragaard Keep, era una caricatura della ''Dargaard'' di [[Krynn]] che cambiava continuamente forma, così Soth non riusciva a mantenere l'ordine militare com'era abituato.