Apri il menu principale

Modifiche

Nel corso di una ''tournée'' in [[Spagna]], Schnabel scrisse a sua moglie che durante un concerto in cui suonava le [[Variazioni Diabelli]] di [[Ludwig van Beethoven|Beethoven]], all'inizio provò un senso di colpa per il pubblico. "Sono l'unico qui che sta gioendo per questo concerto, e vengo anche pagato; essi pagano e devono soffrire", scrisse. Schnabel fece molto per popolarizzare la musica di Beethoven, realizzando la prima registrazione completa delle sonate (conclusa nel [[1935]]). Queste incisioni non sono mai andate fuori catalogo e sono considerate da molti la pietra di paragone dell'interpretazione delle Sonate per pianoforte di Beethoven. Schnabel incise anche tutti e cinque i concerti per pianoforte di Beethoven.
 
Nonostante il suo repertorio non si discostasse molto dalle opere di Beethoven, Schubert, Mozart ande Brahms, quasi tutte le sue composizioni originali sono [[atonale|atonali]]. In anni recenti alcune sue composizioni sono state registrate e rese disponibili in CD (diversa musica da camera, in particolare per violino, le tre sinfonie, la sonata per pianoforte).
 
Schnabel suonò con una serie di musicisti famosi nel repertorio da camera, tra i quali i violinisti [[Carl Flesch]] e [[Joseph Szigeti]], il violista [[Paul Hindemith]], i violoncellisti [[Pablo Casals]] e [[Pierre Fournier]]. Tra i suoi allievi di pianoforte, ci sono [[Leon Fleisher]], [[Alan Bush]], [[Nancy Weir]], Jascha Spivakovsky, [[Eunice Norton]] e [[Karl Haas]].
Utente anonimo