Procedibilità d'ufficio: differenze tra le versioni

+Cn, +Chiarire
m (Annullate le modifiche di 151.62.42.193 (discussione), riportata alla versione precedente di Edipo)
(+Cn, +Chiarire)
In [[diritto penale]] la '''procedibilità d'ufficio''' è la qualità di alcuni [[reato|reati]] a seguito della perpetrazione dei quali l'[[azione penale]] deve essere avviata al mero ricevimento della ''[[notitia criminis]]''.
 
A differenza di quanto accade per i reati perseguibili a [[querela]] della parte offesa, perciò, non si richiede che taluno che ne abbia legittimazione debba sollecitare l'avvio dell'azione penale, ma l'[[autorità giudiziaria]] deve immediatamente perseguire il colpevole {{Chiarire|{{Cn|non appena acquisisca la relativa [[denuncia]]}}|ma è sempre necessaria? Se l'autorità giudiziaria si accorge direttamente della notitia criminis non deve apputno procedere d'ufficio? O è necessario comunque che qualcuno, anche non parte lese, faccia denuncia?}}, indipendentemente dalla eventuale lesione di diritti di terzi e dalla loro eventuale facoltà di rivalsa. Inoltre, l'azione avviata d'ufficio è irretrattabile, non è dunque possibile interromperla come avviene nel caso di [[remissione di querela]].
 
La definizione della procedibilità dipende di fatto dalla scelta del [[legislatore]], il quale per la procedibilità d'ufficio vàluta la gravità del nocumento arrecato all'[[ordinamento giuridico|ordinamento]] con la commissione dell'illecito e la riscontra tale da richiedere comunque l'intervento della [[magistratura]]. Alcuni reati sono perseguibili ordinariamente a querela della parte offesa salvo che non ricorrano alcune [[circostanze aggravanti]] che li rendono perseguibili d'ufficio.
Utente anonimo