Cesare Fera: differenze tra le versioni

Nessun oggetto della modifica
«''L'apporto prezioso, d'una rara competenza e passione''» dato da Cesare Fera ai primi anni di vita delle acciaierie di Bagnoli è ricordato da una pubblicazione curata dall'[[Italsider]] per commemorare il cinquantesimo anno d'attività dell'impianto. In essa sono pure riportate le cronache dell'epoca che, con colorita prosa umbertina, fanno rivivere la giornata inaugurale dello stabilimento, avvenuta domenica 19 Giugno 1910: «''Incontro al Duca mossero subito il marchese Durazzo Pallavicini, il comm. Fera, il comm. Odero, l'on. Luzzatto, il comm. Cutolo e tutti gli altri componenti del Consiglio d'amministrazione dell'ILVA, ingraziando l'augusto principe della visita. Nel limpido e azzurro specchio d'acqua di Caroglio numerosi vaporetti imbandierati e barche e pontoni fecero squillar le loro sirene, giocondamente, mentre da un pontone una banda intonava la marcia reale e da un altro si sparavan fuochi di gioia.''»
 
A ricordo di Cesare Fera è intitolata una via di Napoli, tra Viale Cavalleggeri d'Aosta, Via Marco Polo e Via Daniele Manin.
53

contributi