Apri il menu principale

Modifiche

===Amnesty International===
È stato nel [[1961]] il fondatore di Amnesty International e da allora divenne un paladino dei [[diritti civili]] famoso in tutto il mondo.[[File:Amnesty International (logo).jpg|thumb|150px|Il logo di Amnesty International]]
Scelse come simbolo della sua associazione una [[candela nel filo spinato]]:{{quote|Quando ho acceso la prima candela di Amnesty avevo in mente un vecchio proverbio cinese: "Meglio accendere una candela che maledire l'oscurità". Questo è anche oggi il motto per noi di Amnesty|Peter Benenson}} Benenson decise di fondare l'organizzazione [[umanitarismo|umanitaria]] dopo aver letto su un quotidiano - rimanendone scioccatoscosso - la notizia della condanna a sette anni di reclusione per due studenti [[portogallo|portoghesi]], colpevoli di aver fatto un brindisi augurale in nome della [[libertà]], in riferimento [[decolonizzazione|all'indipendenza]] dell'[[impero coloniale portoghese]], durante il periodo del [[Estado Novo (Portogallo)|regime dittatoriale]] di [[Antonio de Oliveira Salazar]].<ref>[http://www.amnesty.org/en/library/asset/ACT30/005/2001/en/22a88f2d-d961-11dd-a057-592cb671dd8b/act300052001en.html Biografia su Amnesty.org]</ref>
 
Benenson scrisse una lettera all'editore del giornale ''[[The Observer]]'', [[David Astor]], che il [[28 maggio]] del [[1961]] decise di pubblicarla accanto ad un articolo intitolato ''"I prigionieri dimenticati"'' (''"The forgotten prisoners"''). Nella missiva, Benenson chiedeva ai lettori di scrivere a loro volta lettere a sostegno degli studenti imprigionati e di altri [[prigioniero di coscienza|prigionieri di coscienza]]. La reazione fu talmente vasta che ben presto gruppi di autori di lettere a sostegno della causa dei due giovani portoghesi vennero costituiti in una dozzina di paesi.<ref>''ibidem''</ref>
44 436

contributi