Differenze tra le versioni di "Focus (gruppo musicale)"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  7 anni fa
m
typo
(Corregge uno o più errori comuni o refusi o entità, replaced: #2 → numero 2, #4 → numero 4, #9 → numero 9, rilasciato → pubblicato , tu using AWB)
m (typo)
L'album contiene uno dei pezzi più noti del gruppo, l'ironico hard-jodel ''Hocus pocus''.
 
Nel 1973 Havermans viene sostituito dal bassista [[Bert Ruiter]] e viene pubblicato ''Focus 3'', che vanta di pezzi altrettanto noti come ''Sylvia'' e ''Answers questions, questions answers!.'' Segue un album dal vivo che documenta la storia del gruppo nel loro periodo "classico": ''Live at the Rainbow''. Nel 1974 Van deer Liden viene sostituito da [[Colin Allen]], ex [[Stone the Crows]] e il gruppo pubblica "Hamburger concerto", un tentativo ben riuscito di connubio tra rock e classica nel quale il gruppo riesce comunque a mantenere le sue carattetistichecaratteristiche che lo hanno sempre distinto; l'album non ottiene i risultati sperati in termini strettamente commerciali ma tutt'oggi è considerato dalla critica come uno dei loro migliori riusciti. Ha qui inizio il lento declino del gruppo anche a causa del passare delle tendenze progressive: nel 1975 esce l'album in studio ''Mother focus'' con il nuovo batterista [[David Kemper]] che dimostra l'avvicinamento ad uno stile jazz-rock. L'anno seguente Jan Akkerman, deluso dalle nuove direzioni del gruppo, abbandona e viene sostituito all'ultimo momento dal chitarrista jazz/fusion [[Philip Catherine]]. La Sire records, l'etichetta del gruppo rilascia ''Ship of Memories'', che contiene registrazioni degli anni 1974-'74 scartate dagli album precedenti, dopo di che il gruppo si scioglie. Thijs van Leer avrà in seguito delle collaborazioni sporadiche con Jan Akkerman ed entrambi continueranno nella loro attività solistica.
Nel 1978 il cantante americano [[P. J. Proby]] con Catherine e i reduci del gruppo, registrano l'album ''Focus con Proby'', per poi sciogliersi subito. Il gruppo nel 1985 si riunisce temporaneamente per registrare un album omonimo da titolo ''Focus'' senza ottenere risultati di rilievo e si scioglie nuovamente. Durante gli anni novanta, grazie una leggera ripresa del progressive classico, il gruppo compare in alcune trasmissioni olandesi come ''Veronika'' e ''Goud van Oud'' ma non registra niente.
 
==Una nuova pelle per il gruppo: "Focus 8" e "Focus 9 / New skin"==
Nel 2002 Thijs Van Leer decide di ricostruire i Focus, dopo molti anni di inattività, al progetto non prende parte Jan Akkerman che continuerà la sua attività da solista e tuttora rimane uno dei chitarristi rock e fusion più apprezzati e non fa mancare la sua presenza a nei vari Jazz Festival del nordNord europaEuropa, anche se la sua fama rimarrà legata principalmente alla terra di origine. Nel [[2003]] uscì per la [[Musea]] un nuovo album in studio, intitolato ''Focus 8'', registrato con una
nuova formazione e della formazione originale rimane [[Thijs van Leer]] mentre Jan Akkerman è sostituito da [[Jan Dumèe]]. I Focus partono in tornèetornée rivisitando i loro vecchi successi e nello stesso anno esce il dvdDVD ''Live in America''. Nel [[2006]] il gruppo rilascia ''Focus 9 / New skin'', album che incontrò il favore del pubblico e della critica ma passa tuttavia inosservato per il mercato di massa. La nuova formazione comprende il batterista originale Pierre van der Linden, il bassista [[Bobby Jacobs]] e il chitarrista [[Niels van der Steenhoven]], che si era già presentato durante i provini per ''Focus 8''. Attualmente i Focus si esibiscono in ''[[tournée]]'' prevalentemente nei Paesi Bassi e nel nordNord europaEuropa, dal 2007 sono in rete e hanno iniziato una torunèetournée che riprende in mano l'ultimo album e rivista i pezzi storici del gruppo.
 
==Formazione attuale==