Differenze tra le versioni di "Punzone (tipografia)"

nessun oggetto della modifica
[[File:PunchPunches MatrixFratelli Amoretti.jpgTIF|thumb|right|390280 px|MuseoPunzoni Bodonianotipografici di Parmalettere -latine, Punzonegreche e relativa matricegotiche]]
 
Il '''punzone''' in tipografia è un parallelepipedo in [[acciaio]], sulla cui testa è inciso in rilievo e a rovescio un segno tipografico (lettera, numero, punteggiatura, ecc...), usato per imprimere le [[Matrice (tipografia)|matrici]] di [[rame]] che fungono da stampo per la realizzazione dei [[caratteri (tipografia)|caratteri mobili]], mediante colatura della [[lega tipografica]] in una [[Forma (tipografia)|forma]].
 
==La forgiatura del blocchetto==
Da una stecca in acciaio opportunamente riscaldata con sezione quadrata o rettangolare si tagliano dei blocchetti di dimensioni proporzionate al segno da raffigurare.
 
Si arrotonda un'estremità dei blocchetti, deputata ad ospitare il segno e detta "testa", mentre l'altra è spianata con una [[lima]] in modo che risulti esattamente ortogonale all'asse del blocchetto.
Con la lima si lisciano anche le facce laterali e su una di queste è incisa una tacca, che indica l'orientamento del punzone e del segno da realizzare.
 
==Il disegno==
[[File:Counter-punch Encyclopedie 1763.jpg|thumb|right|150px180px|Contropunzone e punzone]]
Il blocchetto è chiuso in un [[Tasso (tipografia)|tasso]] con due viti, in modo che la faccia piana sia rivolta verso l'alto.
 
 
Prima di iniziare l'incisione vera e propria, si annerisce la testa sulla fiamma e la si appoggia su un foglio di carta, per verificare che il disegno sia soddisfacente. In caso affermativo si inizia "sgrossando" la testa con limature sempre più fini.
[[File:Typefoundry 1 Encyclopedie 1763.jpg|thumb|left|550px500px|Getteria - Fabbricazione dei punzoni - da Encyclopedie, 1763]]
 
==La rifinitura==
Utente anonimo