Differenze tra le versioni di "Diffusore acustico"

m (r2.7.2) (Bot: Aggiungo es:Difusor)
{{vedi anche|Tecniche di progettazione e costruzione dei diffusori acustici}}
 
Le tecnologie adottate nei diffusori sono le più varie. Gli altoparlanti magnetodinamici, in cui una bobina percorsa dalla corrente di segnale, solidale alla membrana che così sollecitata emette il suono, è immersa in un flusso magnetico generato da un magnete permanente, montati in cassa chiusa o variamente accordata sono attualmente i più usati. L'[[elettrostatica]], già in uso negli anni quaranta, viene impiegata ancora oggi; in generale una sottile membrana di diverse dimensioni è preposta alla riproduzione di alcune frequenze. La membrana è posta tra due griglie che sono alimentate con un differenziale elettrico di alcune migliaia di volt, mentre la membrana stessa che presenta una superficie conduttiva è alimentata dalla sola tensione del segnale elettrico destinato a generare il suono. il vantaggio di questa soluzione è quello di una membrana acustica pilotata in ogni suo punto, di contro ci sono diverse limitazioni ma in generale da molti appassionati il suono elettrostatico in particolare riferito alla riproduzione delle note medio alte è considerato impareggiabile. Nel 1969, Jim Winey, progettista di sistemi elettrostatici nella società statunitense [[Magnepan]], (attualmente presidente), brevetta una tecnologia definita ''isodinamica'', questa non necessita di tensioni di polarizzazione, in quanto il campo magnetico necessario è generato da una serie di magneti permanenti distribuiti su tutta l'area della membrana, è quindi un metodo a metà strada tra quello elettrostatico e quello magnetodinamico, il prefisso iso sta a significare che il campo magnetico è distribuito uniformemente su tutta la membrana. l'altoparlante è costituito (per le frequenze basse e medie) da un foglio di [[mylar]] dello spessore di 12 micron, susul quale, cuiin ècorrispondenza ricavata perdei [[metallizzazionemagnete|magneti]] la bobinapermanenti, posizionataè traincollato [[magnete|magneti]]un permanentilungo sottile filo di alluminio disposto geometricamente a greca, anche per riprodurre le frequenze alte è impiegato l'alluminio, sotto formasottoforma di [[nastro]] dello spessore di 25 micron, anch'esso posto tra magneti. Vi sono poi altoparlanti a nastro o planari realizzati con tecnologie particolari anche molto diverse tra loro.
 
Il mobile che costituisce un diffusore, costruito con altoparlanti magnetodinamici, deve avere caratteristiche di buona rigidità e insensibilità alle sollecitazioni meccaniche cui è sottoposto dai trasduttori. Il materiale più usato è il legno nelle sue molteplici varietà, materie plastiche composite, miscele di resine con aggiunta di polvere di marmo, [[grafite]]. Sarebbe ottima anche la pietra se non fossero problematici il peso e la lavorazione, viene usata solo per la realizzazione della base o del piatto rotante in alcuni modelli di giradischi di fascia [[Hi-end]], negli [[anni 1950|anni cinquanta]] i diffusori di un costruttore inglese avevano doppie pareti in legno con l'intercapedine riempita di sabbia.
Utente anonimo