Agamennone (Eschilo): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
'''[[Esodo]]''' (vv. 1371-1673): Clitemnestra entra trionfale dichiarando il suo omicidio e la giustizia che lei stessa ha portato, vendicando la morte di Ifigenia e l’oltraggio che Agamennone le ha arrecato portando a casa Cassandra. Il coro auspica di morire, maledice Elena e Clitemnestra, si lamenta per la sorte toccata al re e se avrà un funerale. Entra Egisto con alcune guardie del corpo che esulta per la fine del re e per aver quindi vendicato gli oltraggi subiti dal padre [[Tieste]]. Il coro lo maledice ed [[Egisto]] lo minaccia con la prigione e la fame, essendo lui il nuovo signore di Argo. Il coro invoca il ritorno di Oreste ed Egisto dà alle guardie l’ordine di intervenire, ma sono bloccate da Clitemnestra che non vuole che venga versato altro sangue. Clitemnestra ed Egisto con vicino i cadaveri si beano della loro vittoria, mentre il coro esce di scena.
[[categoria:Opere letterarie greche]]
{{Tragedie}}
59 117

contributi