Differenze tra le versioni di "Pastiche"

24 byte aggiunti ,  7 anni fa
m
Sistemazione automatica della disambigua: David Lodge - Inversione di redirect David Lodge (scrittore)
m (ortografia)
m (Sistemazione automatica della disambigua: David Lodge - Inversione di redirect David Lodge (scrittore))
Un esempio può considerarsi anche ''Le copiste indiscret'' di Jean Pellerin ([[1919]]).
 
È poi riconoscibile la forma "pastiche" anche dietro gli ''[[Esercizi di stile]]'' di [[Raymond Queneau]], che in qualche modo<ref>Insieme a molti lavori degli [[OuLiPo]].</ref> segnano un capitolo del [[postmodernismo]]. Il "pastiche" è infatti un elemento caratteristico della [[letteratura postmoderna]], i cui tratti salienti sono appunto un'apertura del testo attraverso forme differenti di [[intertestualità]], esplicite relazioni di un testo con altri testi. Un esempio anglosassone è ''The British Museum Is Falling Down'' di [[David Lodge (scrittore)|David Lodge]].
 
Quando [[Gianfranco Contini]], parlando dell'amico [[Carlo Emilio Gadda]] riconosce in lui la vocazione del "pastiche", con l'imitazione di parlate diverse e la commistione di linguaggi tecnici, arcaismi e trasposizioni di dialetti, definisce il "pastiche" come una combinazione "di risentimento, di passione e di nevrastenia"<ref>cfr. [http://www.gadda.ed.ac.uk/Pages/resources/walks/pge/pastichstracuz.php l'articolo] di Riccardo Stracuzzi</ref>. Che l'influenza non sia un campo di facile attraversamento lo dimostra anche [[Harold Bloom]] nei suoi primi studi<ref>In particolare in ''The Anxiety of Influence'' (1973), trad. it. di Mario Diacono, ''L'angoscia dell'influenza'', Milano, Feltrinelli, 1983 e in ''A Map of Misreading'' (1975), trad. it. di Alessandro Atti e Filippo Rosati, ''Una mappa della dislettura'', Milano, Spirali, 1988.</ref>, ma è in particolare con gli anni della contestazione e di ricerca letteraria (per esempio in molti esponenti del cosiddetto "[[Gruppo 63]]") che il "pastiche" assume la funzione di parodia come trasformazione ludica di testi classici<ref>cfr. tra altre sue opere, [[Guido Almansi]], ''Quasi come. Letteratura e parodia'', Bompiani, Milano, 1976 (un'antologia curata con [[Guido Fink]])</ref>.
105 149

contributi