Differenze tra le versioni di "Aristosseno"

In quel passo si parla della "tomba di Licurgo"!
(Ma non è morto ad Atene?)
(In quel passo si parla della "tomba di Licurgo"!)
Figlio di [[Spintaro]] (allievo di [[Socrate]]), fu da questi e dal padre avviato alla [[musica]] e alla [[filosofia]]. S'interessò alla dottrina [[Pitagora|pitagorica]], per poi diventare discepolo di [[Lampo Eritreo]], di [[Senofilo]] e infine uno dei principali allievi di [[Aristotele]]. Infatti ebbe l'incarico di tenere nella sua scuola lezioni di [[musicologia]]. Aspirò alla successione del maestro e la nomina di [[Teofrasto]] alla direzione della scuola peripatetica, dopo la morte di [[Aristotele]], fu la profonda delusione della sua vita. Infatti si trasferì a [[Mantina]], una città del [[Peloponneso]] famosa per la diffusione della musica, dove visse per molti anni, ebbe molti discepoli detti ''Aristosseni'' e fu consigliere del re [[Neleo]].
 
{{cn|Finì i suoi giorni nell'isola di [[Creta]]}}. [[Plutarco]], nella ''Vita di Licurgo'' ci dice che a [[Pergamino]] vi era il suo sepolcro.
 
Gli è stato intitolato il [[cratere Aristoxenus]], sulla [[superficie di Mercurio|superficie]] del [[pianeta]] [[Mercurio (astronomia)|Mercurio]].