Differenze tra le versioni di "Consiglio della Corona di Svezia"

m
Bot: manutenzione template portale e modifiche minori
m (Bot: manutenzione template portale e modifiche minori)
Nel 1789, con il ''Förenings- och Säkerhets Acten'' (''Atto di Unione e di sicurezza''), un emendamento alla carta costituzionale, il diritto esclusivo della nobiltà a ricoprire le alte cariche è stato abolito e anche i borghesi e gli agricoltori hanno ricevuto questi privilegi - un passo verso la democrazia moderna. Il controllo aristocratico degli organi dello Stato cessò, come tra l'altro il Consiglio della Corona è giunto ad essere abolito dalla legge, anche se i consiglieri hanno poi mantenuto i loro titoli a vita. La funzione giurisdizionale del consiglio è stata attribuita al ''Konungens Högsta Domstol'' (''Corte Suprema Reale'') composto da un numero uguale di membri nobili e non nobili. Nel 1789 la modifica costituzionale di Gustavo III ha voluto abolire il potere costituzionale del Consiglio (una limitazione fastidiosa del potere regale nel ramo esecutivo, a suo parere), ma gli ha invece attribuito il diritto di determinare il numero dei consiglieri. Ha deciso di non avvalersi di loro, ed ha nominato al loro posto dei "Consiglieri di Stato" - uno stratagemma che gli ha permesso di negare le proprie prerogative costituzionali, se ve ne fosse stato il bisogno.
 
Seguendo l'esempio [[Russi|russo]], il Consiglio di Stato svedese è stato modellato su quello della Repubblica della [[Confederazione polacco-lituana]], secondo il disegno dell'[[Ambasciatori e inviati dalla Russia alla Polonia (1763-1794)|ambasciatore russo]] [[Otto Magnus von Stackelberg (diplomatico)|Otto Magnus von Stackelberg]] al [[Consiglio Permanente]] (dei Consiglieri di Stato). <ref>[[Tadeusz Korzon]], Wewnętrzne dzieje Polski za panowania Stanisława Augusta, (storia polacca durante il regno del re [[Stanislao II di Polonia|Stanislao Augusto]]) [[1897]], t. III, s. 148.</ref>
 
La sconfitta nella [[Guerra di Finlandia]] nel 1809 provocò un colpo di stato militare che ha rimosso re [[Gustavo IV Adolfo di Svezia|Gustavo IV Adolfo]], sostituendo l'era "gustaviana" con una nuova dinastia e una nuova costituzione, restituendo i poteri agli organi costituzionali.
Il nuovo Consiglio ha nove membri, i membri principali sono il Ministro di Stato per la Giustizia e il Ministro di Stato per gli Affari Esteri. La riforma dipartimentale del 1840 ha creato sette dipartimenti o ministeri guidati da un ministro, e nel 1866 i quattro ''Riksdag degli Stati'' sono stati aboliti ed è stato eletto il nuovo [[Riksdag (Svezia)|Riksdag]] bicamerale.
 
Nel 1917 i poteri parlamentari sono stati ulteriormente rafforzati, come il [[Sovrani di Svezia|monarca]] che non poteva più nominare un governo senza il consenso del Parlamento.
 
==La costituzione del 1974==
*[[Krister Nilsson (Vasa)]] (famiglia nobile - uradel - [[Casato di Vasa]]) 1420?
*[[Olaus Laurentii|Olov Larsson]] vescovo - 1430
*[[Erik Holmstensson (Rosenstråle)]] (famiglia nobile - uradel - [[Rosenstråle]]) [[10 giugno]] [[1450]].
*[[Johan Kristiernsson (Vasa)]] (famiglia nobile - uradel - [[Casato di Vasa]]) 1460?
*[[Erik Karlsson (Vasa)]] (famiglia nobile - uradel - [[Casato di Vasa]]) 1470?
*[[Ture Eriksson Bielke]] (famiglia nobile - uradel - [[Bielke]])
*[[Erik Joakimsson Fleming]]
*[[Ivar Joakimsson Fleming]]
*[[Bengt Nilsson (Färla)]] (famiglia nobile - uradel - [[Färla]])
*[[Birger Nilsson Grip]] (famiglia nobile - uradel - [[Grip (famiglia)|Grip]])
*[[Måns Johansson (Natt och Dag)]] (famiglia nobile - uradel - [[Natt och Dag]])
*[[Lars Siggesson (Sparre)]] (famiglia nobile - uradel - [[Sparre]])
*[[Johan Turesson (Tre Rosor)]] (famiglia nobile - uradel - [[Tre Rosor]])
*[[Nils Olofsson (Vinge)]] (famiglia - [[Vinge]])
 
*[[Erik Pedersson Brahe]] (famiglia nobile - uradel - [[Brahe]]) 1590?
*[http://runeberg.org/nfcc/0211.html Riksråd - Riksrätt sulla edizione digitalizzata di [[Nordisk familjebok]]], su [[Project Runeberg]].
 
{{Portale|Diritto|Storia|Medioevo|Storia|Svezia}}
 
[[Categoria:Storia della Svezia]]
2 773 898

contributi