Differenze tra le versioni di "Piazza Alimonda"

Annullata la modifica 52438195 di 87.17.156.129 (discussione) La tesi della pietra è quella ufficiale ma non è affatto condivisa, riporto la frase a una formulazione più vaga.
(Annullata la modifica 52438195 di 87.17.156.129 (discussione) La tesi della pietra è quella ufficiale ma non è affatto condivisa, riporto la frase a una formulazione più vaga.)
'''Piazza Gaetano Alimonda''' è una piazza di [[Genova]] situata poco distante dalla [[Stazione ferroviaria di Genova-Brignole|stazione ferroviaria di Brignole]]. Su di essa si affaccia la [[chiesa di Nostra Signora del Rimedio]], un tempo ubicata nell'antica via Giulia, oggi [[via XX Settembre (Genova)|via XX Settembre]]. Prende nome dal cardinale genovese [[Gaetano Alimonda]].
 
È diventata tristemente famosa per i [[fatti del G8 di Genova]] del [[2001]]: molti degli scontri del [[20 luglio]] si svolsero su questo ampio slargo alberato e nelle vie immediatamente adiacenti e culminarono con la morte di [[Carlo Giuliani]] avvenuta proprio di fronte alla [[Chiesa di Nostra Signora del Rimedio]]. Durante gli scontri il manifestante aveva raccolto da terra un estintore e si accingeva a lanciarlo contro un [[Land Rover Defender]] dei [[carabinieri]], ma in quel momento il carabiniere [[Mario Placanica]], dall'interno del veicolo, esplose un colpo di pistola in aria, deviato da una pietra verso il manifestante.
 
Per un periodo di circa tre anni successivi ai tragici fatti del 2001, alla cancellata della chiesa sono rimasti affissi appunti, bandiere, fiori, fotografie e oggetti in ricordo di Giuliani e delle violenze di quel giorno, provocando non pochi attriti con il parroco della chiesa e con diversi parrocchiani, che a più riprese rimossero il materiale (materiale che a causa di alcuni ceri prese fuoco in due occasioni). I media locali definirono l'esposizione di oggetti "''altare laico''".
26 622

contributi