Differenze tra le versioni di "Coscienza morale"

m (Bot: Aggiungo tg:Вичдон)
La sezione si chiude richiamando al rispetto della coscienza altrui:
 
:''L'uomo ha il diritto di agire in coscienza e libertà, per prendere personalmente le decisioni morali. L'uomo non deve essere costretto "ad agire contro la sua coscienza. Ma non si deve neppure impedirgli di operare in conformità ad essa, soprattutto in campo religioso" (''[[Dignitatis HumaneHumanae]]'' 3)'' (n. 1782).
 
La sezione seguente richiama la necessità di educare e formare la coscienza. I criteri di questa formazione vengono dalla [[Parola di Dio]], che il credente cerca di assimilare nella fede e nella preghiera, per arrivare a metterla in pratica (nn. 1783-1785).
Utente anonimo