Differenze tra le versioni di "Plinto"

20 byte rimossi ,  8 anni fa
m
Bot: orfanizzo template Ingegneria civile
m (Bot: orfanizzo template Ingegneria civile)
Le fondazioni a plinto normale si possono suddividere nei seguenti tipi principali in funzione del rapporto tra l'altezza '''h''' e lo sporto '''s''' :
* a piastra o flessibile: per <math>h < \frac {s}{2} + 5 cm </math>
* rigido: per <math>\frac {s}{2} + 5 cm < h< 1,75 s + 5 cm </math>
* tozzo: per <math>h > 1,75 s + 5 cm </math>
altre tipologie di plinti attualmente poco usati sono:
* a gradoni
Le dimensioni del plinto dipendono dai carichi provenienti dalla sovrastruttura, dalle sollecitazioni agenti, dal funzionamento statico che si vuole ottenere (plinto rigido o flessibile) e dalla capacità portante del terreno.<br />
Situazioni contingenti possono tuttavia richiedere plinti di forma differente (ad esempio, il '''plinto zoppo''' per pilastri posti sul confine della proprietà dove non è possibile centrare il plinto sotto il pilastro).<br />
Usualmente, i plinti ordinari hanno uno spessore che varia tra 40 &nbsp;cm e 80 &nbsp;cm, e dimensioni in pianta da 1,00 m fino a 6,00 m per lato.<br />
Lo spessore è legato fondamentalmente alle sollecitazioni di [[Sforzo di taglio|taglio]] o [[punzonamento]], mentre le dimensioni e la forma della base sono correlate alla [[capacità portante]] del terreno e ai [[carico strutturale|carichi]] provenienti dalla [[sovrastruttura (costruzioni)|sovrastruttura]].<br />
Normalmente in corrispondenza dell'estradosso del plinto viene realizzata una risega di non più di 5 &nbsp;cm che serve per l'appoggio in piano delle casseforme del pilastro.<br />
 
== Posa in opera ==
Il plinto viene realizzato all'interno di una [[cassaforma]] in legno o talvolta metallica, dove viene disposta l'armatura del plinto stesso e i ferri di ripresa verticali per il pilastro spesso sagomati a molletta.<br />
Posata l'armatura viene effettuato il getto di calcestruzzo. <br />
Nel caso di carichi rilevanti e pilastri ravvicinati, si potrebbero avere plinti molto vicini, in questo caso si può optare per la [[trave di fondazione]], o talvolta per la [[piastra di fondazione]], detta anche [[piastra di fondazione|platea]].<br />
 
== Armatura dei plinti ==
Per plinti rigidi o per plinti flessibili nei quali il rapporto tra il lato del pilastro e quello del plinto è ≥ 0,3 è opportuno che l'armatura venga distribuita all'incirca uniformemente sulla lunghezza del plinto.<br />
In caso contrario è opportuno addensare l'armatura in corrispondenza del pilastro<ref>Normalmente è buona prassi disporre il 70% dell'armatura all'interno di una fascia, in asse con l'asse del pilastro, avente una larghezza pari a <math>\frac {1}{2}</math> della larghezza del plinto.</ref>.<br />
Oltre a dette armature vanno posizionati due staffoni perimetrali orizzontali usualmente dello stesso diametro delle armature, dei quali uno a livello del piano delle armature, l'altro a un'altezza di 20 ÷ 25 &nbsp;cm rispetto a detto piano.<br />
In terreni coerenti è opportuno ripiegare le armature di 25 ÷ 30 &nbsp;cm.
 
== Zona sismica ==
== Plinto su pali ==
{{W|architettura|novembre 2009}}
Si ricorre a tale tipo di fondazione o nel caso in cui il terreno ha una scarsissima capacità portante o nel caso in cui detta capacità sia rinvenibile a notevole profondità.<br />
 
=== Caratteristiche ===
Tale fondazione consiste nel realizzare al di sotto dei pilastri degli elementi, solitamente prismatici, poggianti su sottostanti pali infissi nel terreno.<br />
I plinti Trasmettono quindi ai pali il carico rinveniente dai pilastri.<br />
Il carico è poi trasmesso dai pali al terreno o attraverso la resistenza d'attrito sulla superficie laterale o direttamente alla punta del palo ovvero parte per attrito e parte alla punta.<br />
 
=== Geometria del plinto ===
La forma planimetrica del plinto su pali dipende dal numero di pali sottostanti la cui disposizione deve essere tale che il baricentro del sistema di pali al di sotto del plinti deve coincidere con il baricentro del pilastro sovrastante:
* per plinto su due pali la pianta è rettangolare con i due pali poste alle estremità
* per plinti su tre pali la pianta è triangolare (triangolo equilatero) con i pali ubicati in corrispondenza dei vertici
* per plinti su quattro pali la pianta è quadrata con i pali ubicati ai vertici
Realizzato in opera il [[magrone]], su questo va posato il plinto prefabbricato.<br />
Per rendere celere e precisa la posa in opera del pilastro prefabbricato all'interno del plinto, dal centro della sezione di base del montante sporge uno spinotto metallico destinato a entrare in una boccola di centraggio, pure questa metallica, ammarata sul fondo del bicchiere del plinto prefabbricato.<br />
Una volta inserito il pilastro nell'alloggiamento si deve controllare che lo spinotto di base sia penetrato mel foro della boccola e quindi si procede al controllo della verticalità mediante [[filo a piombo]] e inserimento di cunei nel vano compreso tra la superficie interna del bicchiere e quella esterna del pilastro distanti non meno 2,5 &nbsp;cm.<br />
Si procede infine al getto di [[inghisaggio|inghisamento]] dopo aver verificato la verticalità strumentalmnte
 
* [[Refluimento]]
 
{{ingegneria civile}}
{{Portale|ingegneria}}
 
[[Categoria:Elementi architettonici strutturali]]
[[Categoria:Tecnologia delle costruzioni]]
 
[[Categoria:Strutture]]
 
770 412

contributi