Teoria del primo ordine: differenze tra le versioni