Silahdar Damat Ali Pascià: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
}}
 
Silahdar Damat Ali Pascià, il cui vero nome era '''Şehit Ali''' Pascià,<ref>''Silahdar'' significa infatti "Incaricato delle armi [del Sultano], mentre ''Damat'' significa "promesso sposo".</ref> cominciò la sua carriera politica sotto il [[Sultano ottomano]] [[Ahmed II]], di cui fu ''[[Katib]]'' (Segretario del Sultano), ''[[rikabdar]]'' (staffiere del Sultano), ''[[cukadar]]'' e ''[[silahdar]]'' (Incaricato delle armi) del Sultano). La sua influenza crebbe sotto [[Ahmed III]], che lo nominò [[visir]]. Sposò la figlia del sultano, Fatima, nel maggio 1709 (da cui gli venne l'appellativo di ''damat'', "promesso sposo, fidanzato").<br>
La sua influenza crebbe sotto [[Ahmed III]], che lo nominò [[visir]]. Sposò la figlia del sultano, Fatima, nel maggio 1709 (da cui gli venne l'appellativo di ''damat'', "promesso sposo, fidanzato").
 
Quando il [[Gran Visir]] [[Ibrahim Pascià Kel Hoca]] venne condannato a morte per aver tentato di ucciderlo, fu nominato al suo posto Gran Visir (27 aprile 1713). Firmò con la [[Russia]] il [[Trattato di Adrianopoli]] che fissò il confine sui fiumi [[Samara]] e [[Orel]] (5 giugno del 1713). Poi cominciò la campagna di [[Morea]] contro i Veneziani. <br>
==Note==
<references/>
 
==Bibliografia==
Lemma «Ali Pasha Damad», su ''The [[Encyclopaedia of Islam]]'' ([[Roberto Mantran]])
 
{{Gran visir ottomani del XVIII secolo}}
127 248

contributi