Differenze tra le versioni di "Bracciante agricolo"

nessun oggetto della modifica
(Lavoratore agricolo meridionale)
{{O|società|arg2=agricoltura|gennaio 2013}}
{{S|agricoltura|lavoro}}
Nel [[Mezzogiorno]], fino ad epoca recente, per '''bracciale agricolo''' (o anche “bracciante”) ci si riferiva riguardo a colui che prestava le proprie braccia come [[forza-lavoro]] in campagna in cambio di una retribuzione in natura o in denaro, quindi a chi lavorava la terra alle dipendenze dirette di un proprietario terriero o di chi per esso ne facesse le veci (in questo caso poteva trattari di un “massaro”, detto anche “[[massaio]]”).
 
Per chiarezza, questo mestiere (già riconosciuto dal [[catasto onciario]] del [[Regno di Napoli]] istituito nel [[XVIII secolo]]) può essere differenziato da quello del “'''campagnuolo'''” termine col quale si intendeva una persona che lavorava in proprio la terra di sua proprietà. Infatti ancora oggi in volgo comune il campagnolo è colui che lavora e ricava grazie a un proprio fazzoletto di terra, mentre bracciante è specificatamente considerato chi effettua qualsiasi tipo di lavori manuali per un periodo determinato di tempo, e che per questo sono detti “'''lavori stagionali'''”, ossia che richiedono un incremento del numero dei lavoratori per un breve periodo di tempo e che sono difatti retribuiti “'''a giornata'''” o “'''a settimana'''”.
Utente anonimo