Differenze tra le versioni di "Bracciante agricolo"

nessun oggetto della modifica
(Lavoratore agricolo meridionale)
Per chiarezza, questo mestiere (già riconosciuto dal [[catasto onciario]] del [[Regno di Napoli]] istituito nel [[XVIII secolo]]) può essere differenziato da quello del “'''campagnuolo'''” termine col quale si intendeva una persona che lavorava in proprio la terra di sua proprietà. Infatti ancora oggi in volgo comune il campagnolo è colui che lavora e ricava grazie a un proprio fazzoletto di terra, mentre bracciante è specificatamente considerato chi effettua qualsiasi tipo di lavori manuali per un periodo determinato di tempo, e che per questo sono detti “'''lavori stagionali'''”, ossia che richiedono un incremento del numero dei lavoratori per un breve periodo di tempo e che sono difatti retribuiti “'''a giornata'''” o “'''a settimana'''”.
 
Oggi, le leggi italiane<ref> '''Legge 40/1998''' e '''Legge 247/2007.''' </ref> riconoscono, disciplinano e garantiscono il lavoro stagionale<ref> possono essere istituiti alcuni contratti di lavoro come quelli “'''a progetto'''”, “'''occasionale'''” o “'''accessorio'''” che sono applicabili però solo ad alcuni settori produttivi, solitamente il '''turistico-alberghiero''' e l’'''agricolo'''. </ref>, ma spesso i bracciali agricoli rappresentano una porzione di lavoro fiscalmente evaso dai datori di lavoro che, per questo motivo, non possono fornire garanzie (se non sulla parola) a tutela dei diritti dei loro salariati. Nel contempo questo genere di [[Rapporto di lavoro|rapporto lavorativo]] favorisce sia una continua e feconda mobilità dei lavoratori che un'incapacitàimpossibilità di attribuire agli stessi responsabilità (anche penali) che riguardino la professionalità espressa durante lo svolgimento delle attività lavorative.
 
==Note==
Utente anonimo