Differenze tra le versioni di "Mandamento (cosa nostra)"

A partire dalla seconda metà degli anni cinquanta, su indicazione di [[Cosa Nostra americana]], anche in [[Sicilia]] [[Cosa Nostra]] si è dotata di una struttura gerarchica superiore denominata "[[Commissione (mafia)|Commissione]]", di cui fanno parte i capimandamento dalla [[provincia di Palermo]]. Alla base della piramide mafiosa vi sono i "picciotti" o "soldati", che costituiscono l'esercito di Cosa Nostra; salendo si trova la figura del "capo-decina" che controlla l'operato di dieci uomini; ancora più in alto la figura del "capo-famiglia". Tre o due capi-famiglia eleggono un "capo-mandamento" (il mandamento è un insieme di tre famiglie territorialmente contigue). Quando un capo-mandamento o un capo famiglia viene arrestato, il suo posto è occupato da un "reggente" provvisorio.
 
I capi-mandamento della [[provincia di Palermo]] fanno parte integrante della "[[CupolaCommissione (mafia)|CupolaCommissione]].", La cupolache è presieduta da uno dei capi-mandamento, che inizialmente veniva chiamato "segretario. I capi-mandamento possono "arruolare" degli uomini d'onore. I requisiti per essere arruolati sono: doti di coraggio e spietatezza, mancanza di vincoli di parentela con le forze dell'ordine. Naturalmente, la prova di coraggio non è richiesta per gli uomini della mafia "puliti" come professionisti, pubblici amministratori, imprenditori. Lo stato di capo-mandamento dura fino alla morte del mafioso o, raramente, per deposizione da parte della cupola[[Commissione interprovinciale (mafia)|Commissione interprovinciale]]. Ogni capo-mandamento è tenuto a rispettare la consegna del silenzio.
 
==La struttura dei mandamenti==
Utente anonimo