Differenze tra le versioni di "Carausio"

nessun oggetto della modifica
m (ortografia)
Nel [[288]] o nel [[289]], Massimiano preparò un'invasione della Britannia<ref>''[[Panegirici latini]]'' X, 12,1</ref>, che però fallì<ref>''[[Panegirici latini]]'' VIII, 12,2; [[Eutropio]] ''Breviario'' [http://www.forumromanum.org/literature/eutropius/trans9.html#22 IX, 22]</ref>, forse anche in seguito all'invasione dei [[Franchi Sali]] del loro re [[Gennobaude]], che impegnò l'[[Augusto (titolo)|Augusto]] lungo il fronte [[Reno (Germania)|renano]], meritandogli alla fine il titolo di ''[[Germanicus maximus]]'' insieme a [[Diocleziano]].<ref>{{CIL|3|22}}; {{CIL|3|13578}}; Scarre, p. 197.</ref> Carausio iniziò allora a sperare di essere riconosciuto dal potere centrale e cominciò a battere [[moneta]] a [[Londra]], a [[Rouen]] e, forse, a [[Colchester]]. Nelle sue monete egli si attribuisce i titoli di "''Restitutor Britanniae''" ("''Restauratore della Britannia''") e di "''Genius Britanniae''" ("''Spirito della Britannia''"), a dimostrazione di come egli abbia fatto leva sul risentimento della popolazione nei confronti del governo di [[Impero romano|Roma]]<ref>Frere, ''Britannia'', pagg. 327-328</ref>.
 
Questo stato di cose continuò fino al [[293]], quando [[Costanzo Cloro]], divenuto [[Cesare (bizantino)|Cesare]] d'[[Occidente]], marciò in [[Gallia]]. Isolò Carausio [[assedio|assediando]] il [[porto]] di [[Boulogne-sur-Mer|Bononia]] e invadendo la [[Batavia (regione)|Batavia]] ([[delta fluviale|delta]] del [[Reno]]), così da assicurarsi le spalle da possibili attacchi degli alleati franchi di Carausio. Ma decise di non tentare una nuova invasione della Britannia, finché non avesse costruito una flotta adeguata<ref>''[[Panegirici latini]]'' VI, 5; VIII, 6-8</ref>. Ma in quello stesso anno, il tesoriere di Carausio, Allecto, assassinò l'usurpatore, prendendone il suo posto<ref>''[[Panegirici latini]]'' VIII, 12; Aurelio Vittore, ''Libro dei Cesari'' [http://www.thelatinlibrary.com/victor.caes.html#39 XXXIX, 40]; Eutropio, ''Breviario'' [http://www.forumromanum.org/literature/eutropius/trans9.html#22 IX, 22]; Orosio, ''Historia adversus paganos libri septem'' [http://www.attalus.org/latin/orosius7A.html#25 VII, 25,6]</ref> Dopo tre anni di regno, Allecto fu sconfitto e ucciso per ''incaprettamento'' (cioè per strangolamento) da un uomo di Costanzo Cloro,
[[Giulio Asclepiodoto]]<ref>Eutropio, ''Breviario'' [http://www.forumromanum.org/literature/eutropius/trans9.html#22 IX, 22]; Aurelio Vittore, ''Libro dei Cesari'' [http://www.thelatinlibrary.com/victor.caes.html#39 XXXIX, 42]</ref>.
 
Utente anonimo