Riflesso condizionato: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{F|psicologia|maggio 2009}}
Il '''riflesso condizionato''' o '''riflesso pavloviano''', dal nome dello [[scienziato]] [[Unione SovieticaRussia|sovieticorusso]] [[Ivan Pavlov]] che elaborò il concetto agli inizi del [[XX secolo|Novecento]] nell'ambito degli studi sul comportamento,<ref>Pavlov I.P. (1927) ''Conditional Reflexes.'' Dover Publications, New York (''translation by'' [http://psychclassics.yorku.ca/Pavlov/ Oxford University Press]).</ref> è la risposta che il soggetto dà alla presentazione di uno ''stimolo condizionante''.
 
Il riflesso condizionato è una reazione prodotta nell’animale in cattività da un elemento esterno, che l’animale si abitua ad associare ad un preciso [[stimolo]] (presentato subito dopo durante la fase di condizionamento; subito prima una volta effettuato il condizionamento). Il primo agente diventa perciò lo stimolo chiave, ciò che attiva il riflesso condizionato.