Presunzione: differenze tra le versioni

m
Bot: accenti e modifiche minori
(Rimuovo avviso F: inserite fonti essenziali)
Etichetta: Rimozione di avvisi di servizio
m (Bot: accenti e modifiche minori)
{{S|diritto}}
 
La '''presunzione''' è un istituto giuridico del diritto italiano. E'È definita come la conseguenza che la [[legge]] o il [[giudice]] trae da un [[fatto]] noto per risalire a un fatto ignoto.<ref>Citato art. 2727 del Codice Civile</ref>
 
==Presunzioni legali e presunzioni semplici==
Su tale argomento, in diritto processuale sia civile sia penale, si è formata una fitta rete di regole legali di valutazione che limitano in un qualche modo il potere del giudice di valutare liberamente le presunzioni. Da queste regole nasce la distinzione tra presunzioni semplici e presunzioni legali.
 
* Le presunzioni semplici (o ''praesumptiones hominis'') sono quelle che la legge lascia al libero apprezzamento del giudice.<ref>Art. 2729 del Codice Civile</ref>
 
* Le presunzioni legali (o ''praesumptiones iuris'') sono invece quelle il cui valore probatorio è riconosciuto automaticamente dalla legge, senza che il giudice le possa valutare liberamente.<ref>Citato art. 2728 del Codice Civile</ref> A loro volta le presunzioni legali si suddividono a seconda del grado di vincolo in
 
**Presunzioni legali assolute (o ''[[praesumptio iuris et de iure|praesumptiones iuris et de iure]]''), contro cui non è ammessa la prova contraria, e
**Presunzioni legali relative (o ''[[praesumptio iuris tantum|praesumptiones iuris tantum]]'') contro cui è possibile fornire una prova contraria.
 
3 379 460

contributi