Ottimati: differenze tra le versioni

70 byte aggiunti ,  9 anni fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
La causa degli ottimati raggiunse l'apice con la [[dittatore romano|dittatura]] di [[Lucio Cornelio Silla]] ([[81 a.C.]]-[[79 a.C.]]). Sotto il suo potere, le Assemblee furono private di quasi tutto il loro potere, il totale dei membri del Senato fu portato da 300 a 600, migliaia di soldati si stabilirono nell'Italia del Nord e un numero ugualmente grande di popolari fu giustiziato con le liste di [[proscrizione]]. Limitò i poteri dei tribuni della plebe, ridusse i consoli e i pretori ai compiti cittadini della direzione politica e dell’amministrazione della giustizia e vietò di ricoprire una medesima carica prima che fossero trascorsi dieci anni. Tuttavia, dopo le dimissioni e la successiva morte di Silla, molti dei suoi provvedimenti politici furono gradualmente ritirati, ma furono più durature le innovazioni nel campo del diritto e del processo penale.
 
Appartenevano agli "optimates" importanti uomini politici quali [[Lucio Cornelio Silla]], [[Marco Licinio Crasso]], [[Marco Porcio Catone]] detto ''Il Censore'' e [[Catone Uticense]], lo già citato [[Marco Tullio Cicerone]], [[Tito Annio Milone]], [[Marco Giunio Bruto]] e, a parte il periodo del [[Triumvirato]], [[Gneo Pompeo]].
 
== Voci correlate ==
* [[Patrizio (storia romana)|Patriziato Romano]]
* [[Lucio Cornelio Silla]]
* [[Marco Tullio Cicerone]]
* [[Gneo Pompeo]]
* [[Marco Licinio Crasso]]
Utente anonimo