Differenze tra le versioni di "Thomas Pride"

nessun oggetto della modifica
Pride proseguì la sua carriera militare al comando di una brigata di fanteria sotto [[Oliver Cromwell]] alla [[battaglia di Dunbar]] ([[1650]]) e alla [[battaglia di Worcester]] ([[1651]]) mentre la sua partecipazione alla vita politica si arrestò dopo la proclamazione del [[Commonwealth]].
 
Pride, chenominato sicavaliere eranel opposto[[1656]] da Cromwell, si oppose alla proposta di conferireconferirgli la dignità regale a([[1657]]) Cromwell<ref>Cfr. fu''Enciclopedia daTreccani'' questialla nominatovoce cavaliere"Oliver nel [[1656]]Cromwell"</ref> e si ritirò a vita privata a Nonsuch Palace, una proprietà che aveva acquistato nel [[Surrey]] dove era stato nominato [[sceriffo]] (''sheriff'') nel [[1655]].
 
Dopo la morte di Pride nel [[1658]] la Restaurazione del [[1660]] ordinò che il suo corpo fosse esumato e appeso alla forca a [[Tyburn]] insieme a quelli di Cromwell , [[Henry Ireton]] e [[John Bradshaw]]. La sentenza non fu poi eseguita probabilmente perché il suo corpo era troppo corrotto. I restauratori monarchici tentarono allora di appendere il figlio di Pride, Joseph, anche lui ex combattente del New Model Army, che riuscì a stento a fuggire. <ref>[http://www.oxforddnb.com/templates/article.jsp?articleid=22781&back= Oxford Dictionary of National Biography]</ref>
97 362

contributi