Differenze tra le versioni di "Siniscalco"

Annullata la modifica 57946052 di 2.237.93.202 (discussione) vandal
(Annullata la modifica 57946052 di 2.237.93.202 (discussione) vandal)
A partire dall'[[Carolingi|epoca carolingia]] in varie monarchie il titolo di siniscalco o '''gran siniscalco''' fu attribuito ad alti [[dignitario|dignitari]] con funzioni di amministrazione della giustizia e comando militare.
 
Il [[Siniscalco]] di [[Francia]] (''Sénéchal de France'') fu, tra il [[X secolo]] e il [[XII secolo]], il più alto dignitario del regno: comandava le forze armate ed amministrava la giustizia e le rendite della casa reale. A partire dal [[1127]] la carica fu attribuita a nobili imparentati con la famiglia reale ma nel [[1191]], a causa dell'eccessivo potere che aveva accumulato, fu soppressa da [[Filippo Augusto]] che ne spartì le funzioni tra il ''[[Connestabile]]'' e il ''Gran Maestro di Francia''; la carica riapparve nel [[XIV secolo]] come titolo puramente onorifico.
 
Alla fine del XII secolo fu istituita in [[Francia]] la figura del siniscalco quale rappresentante del re in una [[circoscrizione]] territoriale detta ''[[siniscalcato]]'' (come l'ufficio al quale era preposto). Il titolo era usato prevalentemente nella Francia meridionale, mentre nella Francia settentrionale si preferiva il titolo di ''[[balivo]]'', la cui circoscrizione (come l'ufficio) era detta ''baliaggio''. Il siniscalco aveva compiti amministrativi, giudiziari e fiscali; alle sue dipendenze erano il ''luogotenente generale'', che presiedeva il tribunale, e i responsabili delle circoscrizioni in cui si suddivideva la siniscalchia, variamente denominati secondo i luoghi (ad esempio, ''[[prevosto|prevosti]]''). Come altre istituzioni dell'[[Ancien régime]] le siniscalchie e i baliaggi, che nel frattempo avevano visto le loro funzioni ridotte all'ambito giudiziario, sparirono con la [[Rivoluzione francese]].
14 159

contributi