Apri il menu principale

Modifiche

{{vedi anche|Tantra (testi induisti)}}
 
OccoreOccorre qui ricordare che la concezione di una relazione fra l'umano e il divino non è certo una prerogativa delle tradizioni in oggetto, tradizioni essenzialmente [[tantra|tantriche]], ma risale, nella letteratura, a un'epoca antecedente, quella del [[brahmanesimo]]. Nella ''[[Chāndogya Upaniṣad]]'' (IX-VII secolo a.C.), ma anche in altre ''[[Upaniṣad]]'', troviamo già espresso il concetto dell'identità fra l'essenza individuale e quella divina, fra ''[[ātman]]'' e ''[[brahman]]'': «Quello sei tu»:
{{vedi anche|Ātman}}
 
{{vedi anche|Shivaismo kashmiro}}
 
Śiva è qui considerato causa materiale ed efficiente dell'universo, e il suo riflesso nel mondo è Śakti, l'energia divina che gli esseri e le cose nel mondo sperimentano come causa di ogni trasformazione. Sostantivo femminile, ''śakti'' è termine il cui significato è proprio "energia", "forza", e indica generalmente il potere, o l'insieme dei poteri di un [[deva|dio]], quelli che agiscono nel mondo fenomenico e sono la causa di ogni trasformazione, creazione e distruzione. Nella mitologia, questa ''śakti'' è spesso personificata come [[devi|Dea]] e variamente donominatadenominata, oggetto di culto nelle correnti [[devozione|devozionali]]. Come [[Pārvatī]], la "Figlia della montagna", per esempio, raffigurata come sposa di Śiva; o come [[Kālī]], "Colei che domina il tempo".
{{vedi anche|Shakti|Devi}}