Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
Usufruendo anche delle esperienze proudhoniane e dopo aver notato che l'insolito e imprevisto "potere straordinario" del denaro gli proviene dal fatto di essere praticamente l'unica "merce indeperibile", comincia a pensare ad un ''[[Freigeld]]'' (denaro libero). <ref>Da ''The natural economic order'', 3º libro, capitolo 16.</ref> Effettivamente, finché il denaro non si "squaglia", nulla obbliga il suo possessore a farlo affluire sul mercato finanziario o a comprare (almeno finché non si ritrovi in condizioni di necessità); e ciò rappresenta la spaventosa forza di cui egli usufruisce per procacciarsi il Premio di Liquidità e conseguentemente tutti gli altri profitti di capitale.<ref>Da ''The natural economic order'', 5º libro, capitolo 7.</ref>
 
Fatta questa diagnosi, individuato il tumore, Gesell procede rapidamente ad asportarlo, anche se [[Giacomo Matteotti]] s'accorgerà d'una contrarietà imprevista talchétal ché - ancorché innamorato di Gesell e delle sue teorie e convinto che esse sole possano apportare un vero socialismo - propende per soprassedere, in attesa della realizzazione di una moneta di tipo on-off (cioè che si squagli in mano ai privati, ma cessi di squagliarsi non appena in mano alle banche).
 
== Note ==
Utente anonimo