Differenze tra le versioni di "Henry Morton Stanley"

m
Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori
m (Bot: Elimino interlinks vedi Wikidata)
m (Bot: overlinking giorni e mesi dell'anno e modifiche minori)
 
== Biografia ==
Nato come '''John Rowlands''', a [[Denbigh (Galles)|Denbigh]] nel [[Galles]] nord-orientale, ebbe una infanzia travagliata. Non conobbe mai il padre e sua madre lo abbandonò in una orfanotrofio all'età di sei anni, dove rimase fino ai quindici anni. A diciassette anni si imbarcò per [[New Orleans]], dove arrivò nel febbraio del [[1859]], pagandosi il viaggio lavorando come marinaio sulla nave. Qui conobbe e lavorò per un facoltoso commerciante di nome Henry Stanley, di cui prese il nome dopo la morte, nel [[1861]], come segno di gratitudine per colui che lo aveva cresciuto come un figlio.
 
Dopo aver combattuto nella [[guerra di secessione americana]] su entrambi i fronti, Stanley divenne giornalista per il [[New York Herald]] nel [[1867]]. Divenne corrispondente dall'estero, e dopo varie corrispondenze dall'ovest del Nord America e dalla [[Turchia]], nel [[1869]] andò in [[Africa]], dove si occupò delle guerre tra britannici e abissini che ebbero luogo in quel periodo lungo i confini dell'[[Etiopia]]. Sempre nel 1869 fu incaricato dal suo giornale di trovare e intervistare l'esploratore scozzese [[David Livingstone]], che era noto che si trovasse in [[Africa]] orientale, ma di cui si erano perse le tracce da diversi mesi.
 
=== I primi anni (1841-1856) ===
Il registro delle nascite della città di Denbigh nel Galles annota il [[28 gennaio]] [[1841]] la nascita di un bambino, figlio naturale: "John Rowlands, bastardo". Henry Morton Stanley soffrì tutta la vita di questa nascita fuori dal matrimonio. Sua madre, [[Betsy Parry]], lavorava come domestica e diede i natali ad altri quattro bambini negli anni che seguirono. A suo figlio, non rivelò mai chi fosse suo padre che forse poteva essere [[John Rowlands]], un beone ben conosciuto in città oppure, forse, un avvocato sposato che rispondeva al nome di James Vaughan Home.
 
La donna lascia quel bambino al nonno. Quando John ha 5 anni, il nonno muore e lui viene affidato a una famiglia. Però, ben presto, questa non viene più pagata per il mantenimento del bambino e John va a finire in una casa di lavoro, la [[San Asaph]], l'equivalente di una casa di correzione. Nel 1847, una commissione d'inchiesta constata che nella casa si "commette ogni sorta di abuso", diretta da un alcoolizzato "che si prendeva tutte le libertà sugli occupanti". I bambini dividevano i letti e, quando non erano maltrattati dagli adulti, i più anziani si rivalevano sui più piccoli, anche la notte. John Rowland viene perseguitato tutta la vita dalla fobia per la sessualità e la vicinanza corporale.
 
=== Soldato e scrittore (1861-1867) ===
Nel 1861, il giovane - che ora si chiamava Henry Stanley (Morton lo aggiungerà più tardi) - raggiunge l'Esercito Confederato per combattere nella [[Guerra civile americana]]. Nell'aprile del 1862, Stanley viene fatto prigioniero nella battaglia di Shiloh in Arkansas e da lì, viene portato in un campo di prigionia nelle vicinanze di Chicago. Quelli che passavano sotto la bandiera dell'Unione, potevano lasciare il campo.
<!--
 
== "Trovate Livingstone!" ==
[[File:Stanley and Livingstone in The Illustrated London News 1872.jpg|thumb|L'incontro fra Stanley e Livingstone in un giornale dell'epoca (''[[The Illustrated London News]] '', 1872)]]
Stanley chiese a James Gordon Bennett, Jr. (1841-1918), succeduto a suo padre nella direzione del giornale nel [[1867]], quanto avrebbe potuto spendere. La risposta fu "''Prendete 1000 [[sterline]], quando saranno finite, prendetene ancora 1000, e quando le avete spese, chiedetene altre 1000, e quando le esaurirete ce ne saranno altre 1000 e così via - MA TROVATE LIVINGSTONE!''".<br />Stanley arrivò a [[Zanzibar]] e organizzò la spedizione senza badare a spese, tanto da richiedere non meno di 2000 portantini. Egli localizzò Livingstone il [[10 novembre]] [[1871]], a [[Ujiji]] vicino il [[lago Tanganica]], in quella che oggi è la [[Tanzania]]. Celebre è la frase che gli viene attribuita al momento dell'incontro, ''"Dr. Livingstone, I presume?"'' (''"Dottor Livingstone, suppongo"''), nel più classico [[understatement]] e formalismo britannico dell'epoca. Stanley si unì a lui nell'esplorazione della zona. Le ricerche stabilirono con certezza che non vi era nessun collegamento tra il lago Tanganica e il [[Nilo]]. Questa spedizione divenne famosa grazie al libro che Stanley scrisse per raccontarla. Il ''New York Herald'', insieme al ''[[Daily Telegraph]]'', finanziarono un'altra spedizione nel continente africano, in cui Stanley risolse uno degli ultimi misteri africani, percorrendo il corso del fiume [[Congo (fiume)|Congo]] fino alla foce.
 
== La spedizione di soccorso a Equatoria ==
 
== Ritorno in Europa ==
Dopo il suo ritorno in [[Europa]], Stanley sposò l'artista gallese [[Dorothy Tennant]], e fu parlamentare inglese dal [[1895]] al [[1900]] come membro degli [[Unionismo in Irlanda|unionisti]]. Morì a [[Londra]] il [[10 maggio]] [[1904]]. La sua tomba si trova nel cimitero della chiesa di San Michele a [[Pirbright]], nella contea di [[Surrey]]; su una grande lastra di granito sono narrate le sue gesta.
<!--
Comment j'ai retrouvé Livingstone (1870/71)[modifier]
2 901 158

contributi